Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 11480 del 10/05/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 10/05/2017, (ud. 07/04/2017, dep.10/05/2017),  n. 11480

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PETITTI Stefano – Presidente –

Dott. LOMBARDO Luigi Giovanni – rel. Consigliere –

Dott. GIUSTI Alberto – Consigliere –

Dott. PICARONI Elisa – Consigliere –

Dott. SCARPA Antonio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 9526/2016 proposto da:

COMPAGNIA M. S. SRL, in persona del legale rappresentante pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA FILIPPO CORRIDONI

14, presso lo studio dell’avvocato MARCO PAOLETTI, che la

rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

PIA CASA DEI CATECUMENI E NEOFITI, in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA,

LUNGOTEVERE MARZIO 1, presso lo studio dell’avvocato LUCA VIANELLO,

che la rappresenta e difende;

– controricorrente –

contro

CIMA SRL, L.C., M.G., S.R.,

C.F., G.C., T.M., MI.ST.,

T.G., FENICE DI G.D.F. & C SAS;

– intimati –

avverso la sentenza n. 7028/2015 della CORTE D’APPELLO di ROMA,

depositata il 18/12/2015;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata del 07/04/2017 dal Consigliere Dott. LUIGI GIOVANNI

LOMBARDO.

Fatto

RILEVATO IN FATTO

che:

– La Compagnia M. S. s.r.l. ha proposto ricorso per cassazione, nei confronti della Pia Casa dei Catecumeni e Neofiti di Roma, avverso la sentenza di cui in epigrafe, con la quale la Corte territoriale, in parziale riforma della pronuncia di primo grado, ebbe a condannarla alla demolizione della scala, della ringhiera, della tettoia e del cancelletto realizzati nel cortile di proprietà della detta Pia Casa dei Catecumeni e Neofiti;

– il legale rappresentante della ricorrente ha personalmente rinunciato al ricorso e la rinuncia, sottoscritta dal suo difensore, è stata accettata personalmente dalla parte intimata, con atto sottoscritto anche dal suo difensore.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che:

– alla luce di quanto sopra e visto il combinato disposto degli artt. 306-390 c.p.c., il processo va dichiarato estinto e che, stante l’accettazione della rinuncia, nulla va statuito sulle spese.

PQM

dichiara l’estinzione del giudizio di cassazione.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Sesta Civile, il 7 aprile 2017.

Depositato in Cancelleria il 10 maggio 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA