Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 11436 del 24/05/2011

Cassazione civile sez. III, 24/05/2011, (ud. 07/04/2011, dep. 24/05/2011), n.11436

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. FINOCCHIARO Mario – Presidente –

Dott. MASSERA Maurizio – Consigliere –

Dott. SEGRETO Antonio – Consigliere –

Dott. VIVALDI Roberta – Consigliere –

Dott. LANZILLO Raffaella – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

D.M.L. (OMISSIS), elettivamente domiciliata in

ROMA, VIA DEI GOZZADINI 30, presso lo studio dell’avvocato PROSPERINI

ALBERTO, che la rappresenta e difende, giusta procura speciale a

margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

D’EASS ASSICURAZIONI SPA IN LCA, F.G., INA ASSITALIA

SPA;

– intimati –

avverso la sentenza n. 28/2009 della CORTE D’APPELLO di ROMA del

9/12/08, depositata il 07/01/2009;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

07/04/2011 dal Consigliere Relatore Dott. RAFFAELLA LANZILLO;

è presente il P.G. in persona del Dott. ANTONIETTA CARESTIA.

La Corte:

Fatto

PREMESSO IN FATTO

Il 17 gennaio 2011 è stata depositata in Cancelleria la seguente relazione ai sensi dell’art. 380 bis cod. proc. civ.:

“1.- Con la sentenza impugnata in questa sede la Corte di Appello di Roma, confermando la sentenza emessa in primo grado dal Tribunale di Roma, ha quantificato in Euro 5.948,77 complessivi i danni subiti da D.M.L. a seguito di un incidente stradale provocato da F.G., assicurato con la s.p.a. D’EASS. La D. propone un motivo di ricorso per cassazione. Gli intimati non hanno depositato difese.

2.- Con l’unico motivo la ricorrente denuncia violazione degli artt. 342 e 112 cod. proc. civ., sul rilievo che la Corte di appello – nel liquidare il danno biologico – ha omesso di pronunciare su di uno dei motivi di appello, cioè su quello con cui essa aveva contestato il valore del punto di invalidità, come determinato dal Tribunale, limitandosi a prendere in esame (respingendola) altra doglianza, avente ad oggetto la quantificazione dell’invalidità nella misura del 2%, anzichè in misura superiore.

3.- Il motivo è inammissibile, poichè la ricorrente non risulta avere formulato un chiaro e specifico motivo di appello sulla questione che assume non esaminata.

Nelle conclusioni dell’atto di appello e in sede di precisazione delle conclusioni essa si è limitata a chiedere che il danno biologico venisse quantificato nella somma di Euro 5.000,00, svolgendo una serie di argomentazioni difensive a supporto della sua prospettazione, fra cui l’inattendibilità rispetto ad altre della tabella in base alla quale il Tribunale aveva determinato il valore del punto di invalidità.

Il giudice è tenuto a decidere tutte le domande delle parti, ma non necessariamente a rispondere a tutte le argomentazioni difensive, se non inequivocabilmente dedotte come chiaro e specifico motivo di appello, con richiesta di riforma della sentenza impugnata su quel particolare aspetto. Una tale richiesta non è stata formulata e la Corte di appello ha chiaramente detto di ritenere adeguata e sufficiente la somma liquidata dal Tribunale a titolo di danno biologico, con motivazione che non presta il fianco a censura e che non è suscettibile di riesame in questa sede.

3.- Propongo che il ricorso sia dichiarato inammissibile, con procedimento in Camera di consiglio”. – La relazione è stata comunicata al pubblico ministero e ai difensori delle parti.

Il pubblico ministero non ha depositato conclusioni scritte.

– La ricorrente ha depositato memoria.

Diritto

RITENUTO IN DIRITTO

1.- Il Collegio, all’esito dell’esame del ricorso, ha condiviso la soluzione e gli argomenti esposti nella relazione, che le argomentazioni svolte nella memoria non valgono a disattendere.

2.- Il ricorso deve essere dichiarato inammissibile.

3. – Non essendosi costituiti gli intimati non vi è luogo a pronuncia sulle spese.

P.Q.M.

La Corte di cassazione dichiara il ricorso inammissibile.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Terza Civile, il 7 aprile 2011.

Depositato in Cancelleria il 24 maggio 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA