Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 11419 del 11/05/2010

Cassazione civile sez. trib., 11/05/2010, (ud. 17/03/2010, dep. 11/05/2010), n.11419

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. D’ALESSANDRO Paolo – Presidente –

Dott. DI IASI Camilla – rel. Consigliere –

Dott. IACOBELLIS Marcello – Consigliere –

Dott. DI BLASI Antonino – Consigliere –

Dott. SCARANO Luigi Alessandro – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso 27256/2008 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e difende, ope

legis;

– ricorrente –

contro

B.L., elettivamente domiciliata in ROMA, presso la CORTE

DI CASSAZIONE, rappresentata e difesa dall’avv. TOFFOLI Paolo, giusta

procura speciale a margine del controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 28/2007 della Commissione Tributaria Regionale

di VENEZIA del 5.2.07, depositata il 24/09/2007;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

17/03/2010 dal Consigliere Relatore Dott. CAMILLA DI IASI,

E’ presente l’Avvocato Generale in persona del Dott. DOMENICO

IANNELLI.

 

Fatto

IN FATTO E IN DIRITTO

1. L’Agenzia delle Entrate propone, nei confronti di B.L. (che resiste con controricorso), ricorso per cassazione avverso la sentenza con la quale, in controversia concernente impugnazione di avviso di accertamento Irpef e S.S.N. per il 1997 – emesso a seguito di rettifica del reddito della Computer Point s.r.l. della quale la contribuente era socia al 95%-, la C.T.R. Veneto confermava la sentenza di primo grado (che aveva accolto il ricorso della contribuente), in particolare rilevando che la ristretta base sociale non può tradursi in una presunzione di distribuzione ai soci del maggior reddito accertato alla società quando, come nella specie, il socio non rivesta alcuna carica sociale che gli dia la possibilità di controllare o gestire la contabilità “in nero”.

2. Il primo motivo di ricorso (col quale si deduce violazione del D.P.R. n. 600 del 1973, art. 38, comma 3, artt. 2729 e 2727 c.c.), è manifestamente fondato alla luce della consolidata giurisprudenza di questo giudice di legittimità, secondo la quale, nel caso di società a ristretta base sociale e/o familiare, è legittima la presunzione di distribuzione ai soci degli utili non contabilizzati (v. tra le altre Cass. n. 6780 del 2003, n. 6197 del 2007, n. 18640 del 2008 e n. 9519 del 2009), senza necessità di ulteriori elementi indiziari (quali, ad es. una ingerenza del socio nella gestione della società), con conseguente onere della prova contraria a carico dei soci.

Anche il secondo motivo (col quale la sentenza impugnata è censurata per vizio di motivazione per avere i giudici d’appello, sulla scorta di considerazioni generiche, ritenuto che la B. non aveva alcun controllo sulla gestione delle entrate in nero della società e che presumibilmente i ricavi occulti erano rimasti nella disponibilità dell’amministratore) risulta manifestamente fondato, posto che, alla luce della presunzione di cui sopra, i giudici d’appello non avrebbero potuto limitarsi a generiche congetture circa la destinazione dei ricavi occulti, ma avrebbero dovuto chiaramente indicare gli elementi di prova forniti dalla contribuente per vincere la presunzione di distribuzione degli utili ai soci.

Il ricorso deve essere pertanto accolto e la sentenza impugnata deve essere cassata, con rinvio ad altro giudice che provvedere anche in ordine alle spese del presente giudizio di legittimità.

PQM

Accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia anche per le spese a diversa sezione della C.T.R. Veneto.

Così deciso in Roma, il 17 marzo 2010.

Depositato in Cancelleria il 11 maggio 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA