Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 11348 del 29/04/2021

Cassazione civile sez. lav., 29/04/2021, (ud. 18/11/2020, dep. 29/04/2021), n.11348

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANNA Antonio – Presidente –

Dott. D’ANTONIO Enrica – Consigliere –

Dott. MANCINO Rossana – Consigliere –

Dott. CALAFIORE Daniela – Consigliere –

Dott. CAVALLARO Luigi – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 12665-2015 proposto da:

I.N.A.I.L. – ISTITUTO NAZIONALE PER L’ASSICURAZIONE CONTRO GLI

INFORTUNI SUL LAVORO, in persona del legale rappresentante pro

tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA IV NOVEMBRE 144,

presso lo studio degli avvocati RAFFAELA FABBI, e LORELLA FRASCONA’,

che lo rappresentano e difendono;

– ricorrente –

contro

C.S.A. – CENTRO SERVIZI ASSISTENZIALI S.R.L., in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

CRESCENZIO 20, presso lo studio dell’avvocato MARCO SQUICQUERO, che

la rappresenta e difende unitamente all’avvocato GAETANO RAGUCCI;

– controricorrente –

nonchè contro

EQUITALIA NORD S.P.A.;

– intimata –

e contro

I.N.P.S. ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE, in persona del

suo Presidente e legale rappresentante pro tempore, in proprio e

quale mandatario della S.C.C.I. S.P.A. – Società di

Cartolarizzazione dei Crediti I.N.P.S., elettivamente domiciliati in

ROMA, VIA CESARE BECCARIA 29, presso l’Avvocatura Centrale

dell’Istituto, rappresentati e difesi dagli avvocati ANTONINO SGROI,

LELIO MARITATO, CARLA D’ALOISIO, ESTER ADA SCIPLINO, EMANUELE DE

ROSE, GIUSEPPE MATANO;

– resistenti con mandato –

E SUL RICORSO SUCCESSIVO, SENZA NUMERO DI R.G. proposto da:

EQUITALIA NORD S.P.A., già facenti capo a EQUITALIA NOMOS S.P.A., a

seguito di fusione mediante incorporazione, in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

DELLE QUATTRO FONTANE N. 161, presso lo studio dell’avvocato SANTE

RICCI, che la rappresenta e difende unitamente agli avvocati

MAURIZIO CIMETTI, e GIUSEPPE PARENTE;

– ricorrente successivo –

I.N.A.I.L. – ISTITUTO NAZIONALE PER L’ASSICURAZIONE CONTRO GLI

INFORTUNI SUL LAVORO, in persona del legale rappresentante pro

tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA IV NOVEMBRE 144,

presso lo studio degli avvocati RAFFAELA FABBI e LORELLA FRASCONA’,

che lo rappresentano e difendono;

– controricorrente al ricorso successivo –

avverso la sentenza n. 1022/2014 della CORTE D’APPELLO di TORINO,

depositata il 09/01/2015 R.G.N. 217/2014;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

18/11/2020 dal Consigliere Dott. LUIGI CAVALLARO;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

MUCCI ROBERTO, che ha concluso per accoglimento del ricorso

I.N.A.I.L. e EQUITALIA;

udito l’Avvocato MARCO SQUICQUERO;

udito l’Avvocato VALERIO MORETTI, per delega verbale Avvocato

GIUSEPPE PARENTE.

 

Fatto

FATTI DI CAUSA

Con sentenza depositata il 9.1.2015, la Corte d’appello di Torino, in riforma della pronuncia di primo grado, ha annullato le cartelle esattoriali con cui era stato ingiunto a Centro Servizi Assistenziali s.r.l., quale condebitore solidale, il pagamento di contributi e premi omessi tra il (OMISSIS) da Cooperativa Servizi Alessandrina soc. coop. soc. p.a. onlus, da cui Centro Servizi Assistenziali s.r.l. era derivato per scissione del 18.10.2005.

La Corte, in particolare, ha ritenuto che, incontroversa essendo l’applicazione alla fattispecie del D.P.R. n. 602 del 1973, art. 25 secondo cui la notifica della cartella deve avvenire entro un anno dall’iscrizione a ruolo, la notificazione delle cartelle al condebitore in solido, avvenuta solo nell'(OMISSIS), non potesse impedire la decadenza dall’iscrizione a ruolo, nemmeno considerando la tempestività della loro notifica al debitore principale, non essendo applicabile in materia di decadenza la previsione che l’art. 1310 c.c. detta per l’efficacia degli atti interruttivi della prescrizione nei confronti dei coobbligati.

Contro tali statuizioni hanno proposto ricorso dapprima l’INAIL e poi Equitalia Nord s.p.a.; Centro Servizi Assistenziali s.r.l. ha resistito con controricorso ad entrambe le impugnazioni, l’INAIL ha proposto ricorso incidentale al ricorso successivo. L’INPS ha depositato delega in calce al ricorso notificatogli dall’INAIL ed è rimasto intimato nel ricorso successivo; Equitalia Nord s.p.a è a sua volta rimasta intimata nel ricorso proposto dall’INAIL. Centro Servizi Assistenziali s.r.l. ha depositato memoria contenente questione di legittimità costituzionale del D.P.R. n. 602 del 1973, art. 25 nell’interpretazione datane da ult. da questa Corte con ordinanza n. 2545 del 2018.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

Con l’unico motivo del ricorso principale (riprodotto anche nel ricorso incidentale al ricorso successivo di Equitalia Nord s.p.a.), l’INAIL denuncia violazione e falsa applicazione del D.P.R. n. 602 del 1973, art. 25 e artt. 2966-2967 c.c., per non avere la Corte di merito ritenuto che, riguardando l’azione esecutiva premi relativi all’anno (OMISSIS) ed essendo stato il ruolo reso esecutivo in data 25.10.2006, nessuna decadenza dall’iscrizione a ruolo poteva in specie configurarsi, essendo stato per contro rispettato il disposto del D.Lgs. n. 46 del 1999, art. 25, comma 1, lett. a), e dovendo comunque la notifica ad uno dei condebitori in solido interrompere la decadenza di cui al D.P.R. n. 602 del 1973, art. 25 anche nei confronti degli altri coobbligati, ed altresì per non avere i giudici di merito comunque esaminato la fondatezza della pretesa.

Con l’unico motivo del ricorso successivo, Equitalia Nord s.p.a. si duole di violazione degli artt. 1310,2966 e 2967 c.c., nonchè del D.P.R. n. 602 del 1973, art. 25, lett. c), per avere la Corte di merito ritenuto che la notifica della cartella nei confronti di uno dei coobbligati in solido non impedisse la decadenza dall’iscrizione a ruolo nei confronti degli altri. Ciò posto, la censura del ricorso principale è fondata.

Questa Corte ha già avuto modo di chiarire che i termini di decadenza per la notifica della cartella di pagamento previsti dal D.P.R. n. 602 del 1973, art. 25 e succ. mod. e integraz., non sono applicabili ai crediti degli enti previdenziali, in quanto il D.Lgs. n. 46 del 1999, art. 18 pur prevedendo l’estensione delle disposizioni di cui al capo II del titolo I e del titolo II del D.P.R. n. 602 del 1973 anche alle entrate riscosse mediante ruolo a norma dell’art. 17, tra cui rientrano anche i crediti degli enti previdenziali, fa “salvo quanto previsto dagli articoli seguenti”, ossia dal D.Lgs. n. 46 del 1999, artt. 24 e 25, cit., i quali, con riferimento a tali crediti, debbono ritenersi latori di una disciplina speciale per l’iscrizione a ruolo e la relativa opposizione (così Cass. n. 12631 del 2014).

A tale principio, successivamente ribadito da Cass. nn. 22436 del 2015, 7093 del 2018 e 9012 del 2019, intende il Collegio assicurare continuità, non senza ricordare che, in ogni caso, il giudice dell’opposizione alla cartella esattoriale, che ritenga illegittima l’iscrizione a ruolo, non può limitarsi a dichiarare tale illegittimità, ma deve esaminare nel merito la fondatezza della domanda di pagamento dell’istituto previdenziale, valendo gli stessi principi che governano l’opposizione a decreto ingiuntivo (così Cass. n. 14149 del 2012 e numerosissime successive conformi); ed è appena il caso di aggiungere che nessun giudicato interno potrebbe in specie configurarsi circa l’applicabilità alla fattispecie del D.P.R. n. 602 del 1973, art. 25, cit., essendo consolidato il principio di diritto secondo cui, potendo il giudicato interno determinarsi soltanto su una statuizione minima della sentenza che sia costituita dalla sequenza fatto, norma ed effetto giuridico e sia suscettibile di acquisire autonoma efficacia decisoria nell’ambito della controversia, l’impugnazione che sia motivata con riguardo ad uno soltanto degli elementi di quella statuizione (com’è accaduto nella specie, avendo l’INAIL precisamente contestato l’effetto giuridico della decadenza dall’iscrizione a ruolo) riapre la cognizione sull’intera questione che essa identifica, così espandendo nuovamente il potere del giudice di riconsiderarla e riqualificarla anche relativamente agli aspetti che, sebbene ad essa coessenziali, non siano stati singolarmente coinvolti, neppure in via implicita, dal motivo di gravame (cfr. tra le più recenti Cass. nn. 24783 del 2018, 10760 del 2019, 8645 del 2020).

L’accoglimento del ricorso principale determina l’assorbimento del ricorso successivo e del ricorso incidentale e priva di rilevanza la questione di legittimità costituzionale del D.P.R. n. 602 del 1973, art. 25 nell’interpretazione datane da ult. da questa Corte con ordinanza n. 2545 del 2018, riguardando una norma da ritenersi inapplicabile alla fattispecie.

La sentenza impugnata va pertanto cassata e la causa rinviata alla Corte d’appello di Torino, in diversa composizione, che provvederà anche sulle spese del giudizio di cassazione.

PQM

La Corte accoglie il ricorso principale, assorbiti il ricorso successivo e il ricorso incidentale. Cassa la sentenza impugnata e rinvia la causa alla Corte d’appello di Torino, in diversa composizione, che provvederà anche sulle spese del giudizio di cassazione.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 18 novembre 2020.

Depositato in Cancelleria il 29 aprile 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA