Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 11336 del 11/05/2010

Cassazione civile sez. lav., 11/05/2010, (ud. 22/03/2010, dep. 11/05/2010), n.11336

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LAMORGESE Antonio – Presidente –

Dott. LA TERZA Maura – Consigliere –

Dott. CURCURUTO Filippo – Consigliere –

Dott. TOFFOLI Saverio – Consigliere –

Dott. MAMMONE Giovanni – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

M.G., domiciliata in ROMA, Piazza CAVOUR, presso la

Cancelleria della Corte di Cassazione, rappresentata e difesa

dall’avvocato MARRA MARIA TERESA per procura a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

MINISTERO INTERNO;

– intimato –

avverso la sentenza n. 810/2005 della CORTE D’APPELLO di NAPOLI,

depositata il 02/03/2005;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

22/03/2010 dal Consigliere Dott. GIOVANNI MAMMONE;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

DESTRO Carlo.

 

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con sentenza del Pretore del lavoro di Torre Annunziata era rigettata la domanda proposta da M.G. per ottenere la corresponsione di rivalutazione ed interessi sui ratei dell’assegno mensile di assistenza corrisposti in ritardo dal Ministero dell’Interno.

Rigettato l’appello e proposto ricorso per cassazione dalla M., questa Corte con sentenza 6.2.04 n. 2331 accoglieva l’impugnazione e, cassata la sentenza impugnata, rinviava alla Corte d’appello di Napoli.

Riassunto il giudizio, la Corte d’appello riformava la sentenza del Pretore e condannava il Ministero, rimasto assente quantunque regolarmente evocato in giudizio, al pagamento della somma di Euro 752,99 per il titolo vantato, oltre ulteriori rivalutazione ed interessi, con compensazione delle spese di tutti i gradi e del giudizio di rinvio.

Proponeva nuovamente ricorso per cassazione la M. lamentando con due motivi la violazione: a) dell’art. 91 c.p.c., per inosservanza del principio che la parte soccombente è tenuta alle spese; b) dell’art. 92 c.p.c., per la carente motivazione in punto di compensazione.

Il Ministero non svolgeva attività difensiva.

Richiesta dal Procuratore generale la trattazione del ricorso in camera di consiglio ai sensi dell’art. 375 c.p.c., il Collegio in data 15.4.08, rinviava a nuovo ruolo, ordinando la rinnovazione della notifica entro sessanta giorni dalla comunicazione dell’ordinanza.

Il ricorso è stato nuovamente chiamato all’odierna adunanza della camera di consiglio.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Il ricorso è improcedibile.

Ricevuta comunicazione dell’ordinanza 15.4.08 a mezzo di lettera raccomandata (v. distinta in atti), parte ricorrente ex art. 371 bis c.p.c., avrebbe dovuto depositare nella cancelleria della Corte il ricorso notificato entro venti giorni dalla scadenza del termine assegnato.

Nel giudizio di legittimità, infatti, detta norma si riferisce non solo all’ipotesi in cui la Corte di cassazione abbia disposto l’integrazione del contraddittorio nei confronti di un litisconsorte necessario cui il ricorso non sia stato in precedenza notificato per inesistenza materiale o giuridica della notifica stessa, ma per interpretazione estensiva deve ritenersi riferita anche all’ipotesi in cui la Corte di cassazione abbia disposto, ai sensi dell’art. 291 c.p.c., il rinnovo della notificazione del ricorso nei riguardi di una parte che sia stata intimata dal ricorrente attraverso una notifica dell’originario ricorso affetta da nullità e che non si sia, allora, per questo costituita nel giudizio di legittimità.

Pertanto, attesa la perentorietà del termine, il mancato deposito dell’atto (od il deposito successivo alla scadenza) comportano l’improcedibilità del ricorso rilevabile anche d’ufficio (Cass., S.u., 12.5.06 n. 11003).

Il ricorso è, dunque, improcedibile.

Nulla deve statuirsi per le spese.

P.Q.M.

La Corte dichiara improcedibile il ricorso. Nulla per le spese.

Così deciso in Roma, il 22 marzo 2010.

Depositato in Cancelleria il 11 maggio 2010

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA