Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 11328 del 11/05/2010

Cassazione civile sez. lav., 11/05/2010, (ud. 10/03/2010, dep. 11/05/2010), n.11328

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BATTIMIELLO Bruno – Presidente –

Dott. D’AGOSTINO Giancarlo – Consigliere –

Dott. LA TERZA Maura – Consigliere –

Dott. CURCURUTO Filippo – Consigliere –

Dott. TOFFOLI Saverio – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

C.M., quale erede legittima di S.M., elettivamente

domiciliata in ROMA, VIA RONCEGNO 5, presso lo studio dell’avvocato

CARPENTIERI FRANCESCA, rappresentata e difesa dall’avvocato D’ARMA

GAETANO, giusta procura speciale a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

INPS – ISTITUTo NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE, in persona del

Presidente e legale rappresentante pro tempore, elettivamente

domiciliato in ROMA, VIA DELLA FREZZA 17, presso l’Avvocatura

Centrale dell’Istituto, rappresentato e difeso dagli avvocati RICCIO

ALESSANDRO, NICOLA VALENTE, CLEMENTINA PULLI, giusta procura in calce

al ricorso notificato;

– resistente –

contro

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE;

– intimato –

avverso la sentenza n. 605/2008 della CORTE D’APPELLO di

CALTANISSETTA del 12/11/08, depositata il 27/11/2008;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

10/03/2010 dal Consigliere Relatore Dott. SAVERIO TOFFOLI;

è presente il P.G. in persona del Dott. RENATO FINOCCHI GHERSI.

 

Fatto

MOTIVI

La Corte pronuncia in Camera di consiglio ex art. 375 c.p.c., a seguito di relazione ex art. 380 bis c.p.c..

La Corte d’appello di Caltanissetta, confermando la sentenza di primo grado, rigettava la domanda di S.M. diretta al riconoscimento del suo diritto all’indennità di accompagnamento quale invalida civile.

La Corte, pur dando atto che dalla c.t.u. espletata la S. era risultata bisognevole dell’indennità in questione dal novembre 2007, rilevava che la medesima non aveva rigorosamente provato il requisito del mancato ricovero in istituto di cura con retta a carico dello Stato.

Sul punto precisava in linea di diritto che l’indennità deve essere esclusa anche in caso di ricovero ospedaliere in reparti di lungo degenza o riabilitativi, salvo che non si dimostri che le prestazioni assicurate dall’ospedale non esauriscano tutte le forme di assistenza di cui il ricoverato abbisogni. E in linea di fatto, che l’appellante risultava essere stata ricoverata in reparti di lungo degenza proprio a partire dal mese di novembre 2007 e fino quantomeno al gennaio 2008. Nè la parte aveva fornito la prova di un ricorso ad assistenze integrative; inoltre, pur avendone l’onere, non aveva fornito chiarimenti rispetto alla situazione che sembrava emergere dagli atti di una situazione di “lungo degenza”.

Ricorre C.M. nella veste di erede legittima della S., deceduta il 5.4.2008.

L’Inps ha depositato procura difensiva.

Il ricorso è qualificabile come inammissibile.

Nell’intestazione del ricorso, e nell’elenco delle produzioni, a riprova della affermata qualità di erede della attuale ricorrente si richiama, oltre al certificato di morte della “de cuius”, un “certificato di unione legittima”. In effetti si tratta di un certificato del Comune di Gela attestante la composizione della famiglia di C.P., coniuge premorto della “de cuius”, alla data del 31.12.1963, indicante oltre alla moglie S.M., sei figli, tra cui C.M., l’attuale ricorrente.

Appare evidente che si tratta di documentazione insufficiente a fornire, anche solo ai fini dell’accertamento meramente incidentale ora richiesto, della qualità di erede legittima della C., e tanto meno di unica erede, mancando innanzitutto la stessa allegazione della assenza di un testamento. Peraltro neanche sarebbe possibile ordinare l’integrazione del contraddittorio nei confronti dei fratelli e delle sorelle della C., per i dubbi di fondo non solo circa la situazione ereditaria, ma anche sulla attuale esistenza in vita di tutti detti congiunti.

Nulla per le spese non sussistendo attività difensiva della parte intimata.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso; nulla per le spese.

Così deciso in Roma, il 10 marzo 2010.

Depositato in Cancelleria il 11 maggio 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA