Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 11309 del 29/04/2021

Cassazione civile sez. I, 29/04/2021, (ud. 18/11/2020, dep. 29/04/2021), n.11309

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MELONI Marina – Presidente –

Dott. ACIERNO Maria – Consigliere –

Dott. CASADONTE Annamaria – rel. Consigliere –

Dott. BALSAMO Milena – Consigliere –

Dott. SOLAINI Luca – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 15847/2019 proposto da:

I.D., rappresentato e difeso dall’Avvocato Vincenzo Maradei,

del Foro di Cosenza;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO, elettivamente domiciliato in Roma, Via dei

Portoghesi 12, presso Avvocatura Generale dello Stato, che lo

rappresenta e difende;

– resistente –

avverso la sentenza n. 807/2019 della Corte d’appello di Venezia,

depositata il 05/03/2019;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

18/11/2020 dal Consigliere Dott. Annamaria Casadonte.

 

Fatto

RILEVATO

che:

– I.D., cittadino (OMISSIS), ricorre per cassazione avverso la sentenza della corte d’appello di Venezia che ha respinto la sua domanda di protezione internazionale nonchè di protezione umanitaria;

– il ricorrente ha allegato di essere nato in Nigeria nel villaggio di (OMISSIS) e di essere fuggito per il timore di essere ucciso dai proprietari di alcuni beni andati distrutti a seguito di un sinistro stradale;

– la corte d’appello ritenendo il suo racconto privo di credibilità reputava insussistenti i presupposti c.d. invididualizzanti della protezione internazionale così come quelli per il rilascio del permesso di soggiorno per motivi umanitari; la corte escludeva, inoltre, sulla base delle fonti specificamente indicate, la ravvisabilità dei presupposti per la protezione sussidiaria ai sensi del D.Lgs. n. 251 del 2007, art. 14, lett. c);

-la cassazione della sentenza è chiesta sulla base di tre motivi;

– l’intimato Ministero dell’interno si è costituito al limitato fine della partecipazione all’eventuale discussione orale della causa ai sensi dell’art. 370 c.p.c., comma 1.

Diritto

CONSIDERATO

che:

– con il primo motivo si denuncia, in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5, la violazione del D.Lgs. n. 251 del 2007, art. 14 e l’erronea valutazione delle prove allegate dalle parti e l’omesso esame di un fatto decisivo della domanda giudiziale ed il vizio di motivazione per non avere adeguatamente valutato il rischio di persecuzione cui il richiedente asilo è esposto nel suo Paese senza procedere all’acquisizione delle fonti informative ad esso relative;

– con il secondo motivo si denuncia, in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, la violazione e falsa applicazione delle norme in materia di protezione dello straniero per non avere riconosciuto lo status di rifugiato al richiedente asilo D.Lgs. n. 251 del 2007, ex artt. 7 e 8;

– con il terzo motivo si denuncia, in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, la violazione e falsa applicazione delle norme in materia di protezione sotto il profilo del riconoscimento della protezione sussidiaria del D.Lgs. n. 251 del 2007, ex art. 2, comma 1, lett. g) e h) e della violazione del principio del non refoulment di cui all’art. 3 della CEDU;

– i tre motivi possano essere esaminati congiuntamente e sono tutti inammissibili per la insuperabile genericità che li contraddistingue;

– nessuno di essi si confronta, infatti, con le rationes decidendi su cui la corte territoriale ha fondato le distinte statuizioni adottate in merito alle possibili forme di protezione internazionale riconoscibili in presenza dei relativi presupposti e sinteticamente sopra richiamate;

– le censure non attingono, cioè, nè la ritenuta inattendibilità del racconto, nè le considerazioni svolte dalla corte territoriale, alla luce di copiose e dettagliate fonti informative, con riguardo alla protezione sussidiaria ex lett. c), nè il riferimento tanto all’inattendibilità che alla situazione della Nigeria su cui è argomentato il diniego dei c.d. seri motivi di carattere umanitario;

– l’inammissibilità di tutti i motivi comporta dunque l’inammissibilità del ricorso;

– nulla va disposto sulle spese di lite atteso il mancato svolgimento di effettiva attività difensiva da parte del resistente Ministero;

– ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, si dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis, se dovuto.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis, se dovuto.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Prima Civile, il 18 novembre 2020.

Depositato in Cancelleria il 29 aprile 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA