Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 1130 del 18/01/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 5 Num. 1130 Anno 2018
Presidente: BRUSCHETTA ERNESTINO LUIGI
Relatore: TEDESCO GIUSEPPE

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 27426/2013 R.G. proposto da
Cajelli Romano, rappresentata e difesa da se stesso, con domicilio
eletto in Roma, viale Giulio Cesare 14, presso lo studio dell’avv.
Gabriele Pafundi;
-ricorrente contro
Agenzia delle entrate, in persona del direttore pro tempore,
domiciliata in Roma, via dei Portoghesi 12, presso 12, l’Avvocatura
Generale dello Stato, che la rappresenta e difende;
-controricorrenteavverso la sentenza della Commissione tributaria regionale della
Lombardia n. 6/30/13, depositata il 23 gennaio 2013.
Udita la relazione svolta nella camera di consiglio del 26
settembre 2017 dal Consigliere Giuseppe Tedesco.
Rilevato che:
-Romano Cajelli ha proposto ricorso per cassazione contro la
sentenza della Commissione tributaria regionale della Lombardia, di
conferma della sentenza di primo grado, sfavorevole per il

Data pubblicazione: 18/01/2018

contribuente in relazione ad avviso di accertamento con il quale per
l’anno 2004 era stata rettificato il reddito da lavoro autonomo a
seguito del disconoscimento di costi e spese;
– il ricorso è proposto sulla base di tre motivi, illustrati con
memoria, cui l’agenzia delle entrate a reagito con controricorso.
Considerato che:

– in primo luogo per difetto di autosufficienza;
– in particolare l’esposizione dei fatti di causa non consente di
avere precisa cognizione della vicenda, non essendo indicate le
ragioni giuridiche del recupero e neanche le vicende del giudizio di
primo grado, di cui sono riportate sole conclusioni del ricorso
introduttivo e l’esito (nulla aggiunge alla conoscenza della vicenda la
narrazione del rinvio operato dalla Commissione provinciale in vista di
una possibile conciliazione);
– non sono indicati neanche i motivi d’appello e le vicende del
relativo giudizio, di cui è riportato anche in questo caso l’esito;
– la sezione del ricorso dedicata ai motivi, introdotta da una
rubrica dove sono cumulativamente richiamati ragioni di censura
costituenti in linea di principio

error in procedendo,

vizi di

motivazione e violazione di legge, è interamente dedicata a illustrare
la ragione di nullità di cui era affetto l’avviso di accertamento, in
quanto emesso prima del termine dilatorio previsto dall’art. 12,
comma 7, della I. 212 del 2000;
-tuttavia il motivo è sviluppato con riferimento diretto all’avviso di
accertamento e non con riguardo alla valutazione operata al riguardo
dalla sentenza impugnata, di cui non sono riportati le affermazioni
ritenute contra legem o insufficientemente motivate, né è precisato
dove e quando la questione dell’emissione dell’avviso ante tempus fu
introdotta, in modo da dar corpo alla violazione dell’art. 112 c.p.c. a
cui si fa cenno nella rubrica;

2

– il ricorso presente una pluralità di profili di inammissibilità;

- insomma i motivi di ricorso incorrono a loro volta in autonome
ragioni di inammissibilità;
– il ricorso, pertanto, va dichiarato inammissibile,
– le spese seguono la soccombenza.
P.Q.M.

di questo giudizio in favore della controricorrente, che liquida
nell’importo di C 5.600,00 per compensi, oltre alle spese prenotate a
debito.
Roma 26 settembre 2017.
Il Presidente
s

itrativo

rigetta il ricorso; condanna il ricorrente al pagamento delle spese

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA