Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 11296 del 10/05/2010

Cassazione civile sez. I, 10/05/2010, (ud. 26/01/2010, dep. 10/05/2010), n.11296

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LUCCIOLI Maria Gabriella – Presidente –

Dott. FELICETTI Francesco – Consigliere –

Dott. NAPPI Aniello – Consigliere –

Dott. DOGLIOTTI Massimo – rel. Consigliere –

Dott. SCHIRO’ Stefano – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 27483/2008 proposto da:

C.R.L.G., domiciliato in ROMA, PIAZZA

CAVOUR, presso la CANCELLERIA CIVILE DELLA CORTE DI CASSAZIONE,

rappresentato e difeso dall’avvocato BIANCHI Andrea, giusta procura

in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

UFFICIO DEL PUBBLICO MINISTERO PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, PROCURA

GENERALE PRESSO LA CORTE DI APPELLO DI MILANO;

– intimati –

avverso il decreto della CORTE D’APPELLO di MILANO depositato il

15/01/200, n. 2179/06 R.G.;

udita la relazione della causa svolta nella Pubblica udienza del

26/01/2010 dal Consigliere Dott. MASSIMO DOGLIOTTI;

udito, per il ricorrente, l’Avvocato A. BIANCHI che ha chiesto

l’accoglimento del ricorso;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

RUSSO Rosario Giovanni, che ha concluso per l’inammissibilità del

primo – secondo motivo, rigetto del terzo motivo.

 

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

A seguito di ricorso del P.M. presso il Tribunale di Milano, il Tribunale di Milano, con sentenza in data 19/09/2005, rigettava la domanda di interdizione di C.R.L.G., e disponeva la trasmissione degli atti del procedimento al Giudice Tutelare di Milano per eventuale nomina di un amministratore di sostegno.

Procedeva a tale nomina il G.T. di Milano con decreto in data 19/04/2006. Il C. impugnava tanto la sentenza del Tribunale che il decreto del G.T..

La Corte d’Appello di Milano, con decreto 28/09/2007, rigettava il reclamo.

Ricorre per Cassazione, nei confronti del P.M. e del P.G. di Milano, sulla base di tre motivi, il C..

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Il ricorso va dichiarato inammissibile.

I motivi attengono a violazione di legge e vizi di motivazione.

Per giurisprudenza consolidata (per tutte, Cass. n. 8487 del 2009), oltre al quesito di diritto esplicitamente indicato dall’art. 366 bis c.p.c., abrogato, ma ancora operante per i rapporti pregressi, il ricorrente, ove lamenti vizio di motivazione, deve redigere, parimenti a pena di inammissibilità, una sintesi, omologa al quesito di diritto, indicante il fatto controverso e le ragioni per cui il dedotto vizio di motivazione rende questa inidonea a giustificare la decisione.

Nella specie, mancano tanto i quesiti di diritto che la sintesi, come sopra indicato.

Nulla sulle spese.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso.

Così deciso in Roma, il 26 gennaio 2010.

Depositato in Cancelleria il 10 maggio 2010

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA