Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 11291 del 23/05/2011

Cassazione civile sez. III, 23/05/2011, (ud. 15/04/2011, dep. 23/05/2011), n.11291

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TRIFONE Francesco – Presidente –

Dott. FINOCCHIARO Mario – rel. Consigliere –

Dott. AMATUCCI Alfonso – Consigliere –

Dott. D’ALESSANDRO Paolo – Consigliere –

Dott. DE STEFANO Franco – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso 34305/2006 proposto da:

S.M. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA B. TORTOLINI 34, presso lo studio dell’avvocato PAOLETTI

NICOLO’, rappresentato e difeso dagli avvocati FICARRA Luigi,

MICHIELI GIOVANNI giusta mandato a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

LA PALMA DI TRAVERSO R & C SAS, (OMISSIS), elettivamente

domiciliato in ROMA, VIA DOMENICO BARONE 31, presso lo studio

dell’avvocato BOTTAI Enrico, che lo rappresenta e difende unitamente

all’avvocato CERETTA MARIO giusta mandato a margine del

controricorso;

D.A., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA G P DA

PALESTRINA 47, presso lo studio dell’avvocato IOSSA FRANCESCO PAOLO,

che lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato GARDIN RENZO

giusta mandato a margine del controricorso;

– controricorrenti –

avverso la sentenza n. 1349/2006 della CORTE D’APPELLO di VENEZIA,

Sezione Specializzata Agraria, emessa il 05/10/2006, depositata il

28/09/2006; R.G.N. 16/2005.

udita la relazione della causa svolta nella Pubblica udienza del

15/04/2011 dal Consigliere Dott. MARIO FINOCCHIARO;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

SGROI Carmelo, che ha concluso per l’estinzione.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO E MOTIVI DELLA DECISIONE

Con sentenza 21 giugno – 21 settembre 2006 la Corte di appello di Venezia, sezione specializzata agraria, decidendo sull’appello proposto da S.M. contro la Immobiliare Palma s.a.s. e nei confronti di D.A. avverso la sentenza 2997-04 del 9 novembre 2004 – 19 aprile 2005 del tribunale di Padova, sezione specializzata agraria lo ha rigettato, compensate le spese di lite.

Per la cassazione di tale pronunzia ha proposto ricorso con atto 5 dicembre 2006 e date successive S.M., affidato a 3 motivi.

Hanno resistito, con distinti controricorso sia la Palma s.a.s., sia D.A..

Successivamente, peraltro, è stato depositato, sia atto di transazione (sottoscritto sia dalle parti che dai rispettivi legali) intervenuto tra la S. e la Palma s.a.s. il 23 febbraio 2011 e con il quale la S. ha dichiarato di rinunciare transattivamente ai ricorsi pendenti innanzi questa Corte di Cassazione ai nn. 34305/06 e 1917/06 R.G. e la Palma ha dichiarato di aderire alle dette rinunce a spese compensate, sia atto di rinunzia al ricorso ex art. 390 c.p.c., in data 28 febbraio 2011, sia ancora, atto di accettazione della rinunzia ai ricorsi sottoscritto dal legale del D. (a tanto autorizzato in forza del mandato in margine al controricorso).

Il P.G., ritenuta la ritualità della rinuncia, ha chiesto venga dichiarata l’estinzione del procedimento.

Rileva la Corte che la rinuncia al ricorso, in rito ammissibile, da parte del ricorrente, è rituale.

Deve, pertanto, pronunciarsi l’estinzione di questo processo di Cassazione.

Sussistono giusti motivi onde disporre, come da concorde richiesta delle parti, la totale compensazione delle spese di questo giudizio di cassazione, tra le parti.

P.Q.M.

LA CORTE dichiara estinto il processo di cassazione per rinuncia al ricorso;

compensa le spese del giudizio di Cassazione.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Terza Civile della Corte di Cassazione, il 15 aprile 2011.

Depositato in Cancelleria il 23 maggio 2011

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA