Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 1124 del 14/01/2022

Cassazione civile sez. VI, 14/01/2022, (ud. 12/10/2021, dep. 14/01/2022), n.1124

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCODITTI Enrico – Presidente –

Dott. FIECCONI Francesca – rel. Consigliere –

Dott. PORRECA Paolo – Consigliere –

Dott. GIAIME GUIZZA Stefano – Consigliere –

Dott. GORGONI Marilena – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 30244-2020 proposto da:

R.D., domiciliato presso la cancelleria della CORTE DI

CASSAZIONE, PIAZZA CAVOUR, ROMA, rappresentato e difeso

dall’avvocato MARIA ROSARIA CAMPOREALE;

– ricorrente –

contro

COOP ALLEANZA 3.0 SOC COOP;

– intimata –

avverso la sentenza n. 1483/2020 della CORTE D’APPELLO di BARI,

depositata il 29/07/2020;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 12/10/2021 dal Consigliere Relatore Dott.ssa

FIECCONI FRANCESCA.

 

Fatto

RILEVATO

che:

1. R.D., con atto notificato il 9/11/2020 impugna la sentenza n. 2688/2020 della Corte d’appello di Bari, pubblicata il 4 agosto 2020, notificata (?) con la quale, a conferma della sentenza di primo grado, è stata respinta la domanda di risarcimento del danno per un infortunio avvenuto all’interno di un supermercato gestito dalla Coop Alleanza 3.0 convenuta, sull’assunto che non fosse stata provata la dinamica del sinistro (caduta per la presenza di ortaggi a terra), atteso che le testimonianze non si erano dimostrate decisive sulla esatta causa della caduta e, comunque, occorreva tener conto della qualità dei testi sentiti (figlia e moglie dell’infortunato).

2. La parte intimata non ha presentato difese.

3. Il ricorso è affidato a un motivo.

Diritto

CONSIDERATO

che:

1. Con un unico motivo si deduce Violazione e falsa applicazione di norma di diritto, in particolare dell’art. 2727 c.c. per non avere fatto ricorso alle presunzioni, in relazione all’art. 360 c.p.c., n. 3.

2. Il motivo è inammissibile, in quanto si censura una valutazione di merito sulla carenza di prova del nesso causale, effettuata sulla base delle medesime circostanze indicate in ricorso, non censurabile in questa sede.

3. In particolare, a differenza di quanto sostiene il ricorrente, il Giudice ha scrutinato il contesto in cui si è verificato l’occorso, soprattutto indicando che non potevano trarsi argomenti presuntivi sul nesso causale tra caduta e condizione potenzialmente pericolosa della cosa (v. sentenza p. 4), in ragione del fatto che le cassette di ortaggi (pomodori) erano riposte sotto il bancone cui si era avvicinato l’attore (v. sentenza, p. 3).

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso;

nulla spese.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis, se dovuto.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della sezione sesta – sotto sez. terza civile, il 12 ottobre 2021.

Depositato in Cancelleria il 14 gennaio 2022

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA