Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 11193 del 07/05/2010

Cassazione civile sez. II, 07/05/2010, (ud. 18/03/2010, dep. 07/05/2010), n.11193

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCHETTINO Olindo – Presidente –

Dott. MENSITIERI Alfredo – Consigliere –

Dott. MIGLIUCCI Emilio – Consigliere –

Dott. PETITTI Stefano – Consigliere –

Dott. DE CHIARA Carlo – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

M.M.R., rappresentata e difesa dagli avv.ti SOARDO

Paolo e Francesco D’Audino ed elett.te dom.ta presso lo studio del

secondo in Roma, Via Sangemini n. 15;

– ricorrente –

contro

M.R., in proprio e quale erede di P.M.

D., rappresentato e difeso dagli avv.ti LIETO Modestino e Patrizia

Properzi ed elett.te dom.to presso lo studio della seconda in Roma,

Via Sabotino n. 46;

– controricorrente –

e contro

M.J., M.F., M.M.R.,

S.S.;

– intimati –

avverso la sentenza della Corte di appello di Brescia n. 759/05,

depositata il 30 agosto 2005;

udita la relazione della causa svolta nella Pubblica udienza del 18

marzo 2010 dal Consigliere dott. Carlo DE CHIARA;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale dott.

MARINELLI Vincenzo, che ha concluso per il rigetto del ricorso.

 

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Per quanto è dato comprendere dal ricorso in esame, la sentenza impugnata ha respinto, in causa avente per oggetto lo scioglimento di una comunione ereditaria, l’appello proposto dalla sig.ra M. M.R. avverso al sentenza di primo grado.

La Sig.ra M. ha quindi proposto ricorso per cassazione, cui ha resistito con controricorso uno degli intimati, il sig. M.R.. La ricorrente ha anche presentato memoria.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Il ricorso non contiene, nè nella sua parte narrativa, nè in quella propriamente critica, una sufficiente esposizione dei fatti di causa, e in particolare della ratto della decisione impugnata; inoltre le questioni sollevate nella parte critica (genericamente rubricata “violazione e/o falsa applicazione della normativa in materia di prove”), relative alla facile divisibilità di un immobile e alla effettiva composizione dell’asse da dividere, vengono svolte in termini di pure e semplici deduzioni di merito, senza alcun riferimento a specifiche statuizioni delle sentenza impugnata oggetto di censura.

Il ricorso è pertanto inammissibile, sia per l’insufficiente esposizione dei fatti di causa, e in particolare dei fatti processuali (art. 366 c.p.c., n. 3), sia per difetto di specificità delle censure.

Alla declaratoria di inammissibilità segue la condanna della ricorrente alle spese del giudizio di legittimità, liquidate in dispositivo.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento, in favore del controricorrente, delle spese processuali, liquidate in Euro 1.600,00, di cui Euro 1.400,00 per onorari, oltre spese generali ed accessori di legge.

Così deciso in Roma, il 18 marzo 2010.

Depositato in Cancelleria il 7 maggio 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA