Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 11119 del 10/06/2020

Cassazione civile sez. III, 10/06/2020, (ud. 30/01/2020, dep. 10/06/2020), n.11119

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VIVALDI Roberta – Presidente –

Dott. SCARANO Luigi Alessandro – Consigliere –

Dott. D’ARRIGO Cosimo – rel. Consigliere –

Dott. CRICENTI Giuseppe – Consigliere –

Dott. MOSCARINI Anna – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso iscritto al n. 4477/2018 R.G. proposto da:

Fin. Pa s.a.s. di D.C.G.C. & C., in persona del

legale rappresentante pro tempore, e D.C.G.C.

personalmente, rappresentati e difesi dall’Avv. Massimiliano M.

Jelo, domiciliato, ai sensi dell’art. 366 c.p.c., comma 2, presso la

cancelleria della Corte di Cassazione;

– ricorrenti –

contro

Italfondiario s.p.a., in persona del legale rappresentante pro

tempore, rappresentata e difesa dall’Avv. Simona Pavone, con

domicilio eletto in Roma, Corso d’Italia, n. 29, presso lo studio

dell’Avv. Marco Benucci;

– controricorrente –

Sicilcassa s.p.a. in l.c.a., in persona del commissario liquidatore

pro tempore;

– intimata –

L.M.G.;

– litisconsorte non intimata –

avverso la sentenza n. 1702 della Corte d’appello di Catania

depositata il 26 settembre 2017;

Udita la relazione svolta in camera di consiglio dal Consigliere

Dott. Cosimo D’Arrigo;

letta la sentenza impugnata;

letti il ricorso e il controricorso.

Fatto

RITENUTO

La Fin. Pa s.a.s., nonchè personalmente l’attuale socio accomandatario D.C.G.C. e la precedente accomandataria L.M.G., proponevano opposizione avverso il decreto ingiuntivo per l’importo di Euro 410.000,00, ottenuto nei loro confronti dalla Sicilcassa s.p.a. in l.c.a., sostenendo che l’accordo transattivo non si era perfezionato, poichè l’accettazione della Banca era intervenuta oltre il termine di scadenza per l’adempimento indicato nella proposta.

Si costituiva in giudizio la Italfondiario s.p.a., quale cessionaria del credito della Sicilcassa s.p.a.

Il Tribunale di Catania, estromessa dal giudizio la Sicilcassa s.p.a. in l.c.a., rigettava l’opposizione e condannava gli opponenti al rimborso delle spese processuali.

Questi ultimi impugnavano la decisione, ma la Corte d’appello di Catania rigettava il gravame.

Contro tale decisione la Fin. Pa s.a.s. e D.C.G.C. hanno proposto ricorso per cassazione articolato in cinque motivi. L’Italfondiario S.p.a. ha resistito con controricorso. La Sicilcassa S.p.a., già contumace in appello, non ha svolto alcuna difesa in questa sede.

Diritto

CONSIDERATO

Preliminarmente va disposta l’integrazione del contraddittorio nei confronti di L.M.G..

La precedente accomandataria della Fin. Pa s.a.s. ha partecipato, nella qualità di opponente, al giudizio di merito in entrambi i gradi di merito.

Ha, quindi, acquisito la qualità di litisconsorte processuale.

Com’è noto, il litisconsorzio processuale determina l’inscindibilità delle cause anche ove non sussisterebbe il litisconsorzio necessario di natura sostanziale. Ciò comporta che l’impugnazione deve essere necessariamente proposta anche nei confronti del litisconsorte processuale (ex plurimis: Sez. 5, Ordinanza n. 27616 del 30/10/2018, Rv. 651077 – 01).

D’altronde, l’omessa impugnazione della sentenza nei confronti di tutte le parti non determina l’inammissibilità del gravame, ma la necessità per il giudice d’ordinare l’integrazione del contraddittorio, ai sensi dell’art. 331 c.p.c., nei confronti della parte pretermessa.

Di conseguenza, il ricorso deve essere rinviato a nuovo ruolo, previa assegnazione di un termine perentorio per l’integrazione del contraddittorio nei confronti di L.M.G..

P.Q.M.

rinvia a nuovo ruolo assegnando termine di giorni novanta per l’integrazione del contraddittorio nei confronti di L.M.G..

Così deciso in Roma, il 30 gennaio 2020.

Depositato in Cancelleria il 10 giugno 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA