Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 11061 del 10/06/2020

Cassazione civile sez. VI, 10/06/2020, (ud. 12/02/2020, dep. 10/06/2020), n.11061

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GRECO Antonio – Presidente –

Dott. ESPOSITO Antonio Francesco – Consigliere –

Dott. CROLLA Cosmo – Consigliere –

Dott. LUCIOTTI Lucio – Consigliere –

Dott. RUSSO Rita – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 36029-2018 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, – RISCOSSIONE (OMISSIS), elettivamente

domiciliata in ROMA, VIA DELLA PINETA SACCHETTI, 482, presso lo

studio dell’avvocato EMANUELA VERGINE, rappresentata e difesa

dall’avvocato MARIA ROSARIA SAVOIA;

– ricorrente –

contro

ZACCARIA SNC D.A. & G.Z., in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in SALERNO,

VIA ADDA 99, presso lo studio dell’avvocato BRUNO DE CICCIO,

rappresentata e difesa dall’avvocato PAOLA LANZARA;

– controricorrente –

contro

CONIUNE di ROCCAPIEMONTE;

– intimato –

avverso la sentenza n. 7534/2/2018 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE della CAMPANIA SEZIONE DISTACCATA di SALERNO, depositata

il 06/09/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 12/02/2020 dal Consigliere Relatore Dott.ssa RUSSO

RITA.

Fatto

RILEVATO

CHE:

La Agenzia delle Entrate Riscossione ricorre avverso la sentenza della CTR della Campania, depositata il 6 settembre 2018, favorevole al contribuente, che ha eccepito la prescrizione del credito tributario.

Il ricorso per cassazione è affidato a due motivi. Resiste con controricorso il contribuente. Assegnato il procedimento alla sezione sesta, su proposta del relatore è stata fissata l’adunanza camerale ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c. notificando la proposta e il decreto alle parti.

Diritto

RITENUTO

CHE:

L’Agente della Riscossione si è costituito in giudizio, proponendo ricorso per cassazione, con un avvocato del libero foro. Deve quindi farsi applicazione del principio enunciato da Cass., sez. un. 19 novembre 2019 n. 30008, secondo cui la scelta tra il patrocinio dell’Avvocatura erariale e quello di un avvocato del libero foro postula necessariamente ed implicitamente la sussistenza del relativo presupposto di legge, senza bisogno di allegazione e di prova al riguardo, nemmeno nel giudizio di legittimità. Tuttavia, il medesimo arresto ha precisato che “ove la fattispecie fosse invece caratterizzata dell’eccezione del riparto automatico appena tratteggiato, cioè la sottrazione della fattispecie al patrocinio autorizzato nonostante essa rientri tra quelle riservate convenzionalmente dell’Avvocatura, sarà – come di consueto – indispsnsabile la specifica e motivata delibera di affidamento all’avvocato del libero foro”;

Pertanto non ricorrono i presupposti di cui all’art. 375 c.p.c., commi 1 e 2, non essendo la controversia di immediata evidenza decisoria.

P.Q.M.

La Corte dispone la rimessione del fascicolo alla Quinta Sezione Civile per la trattazione in pubblica udienza.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 12 febbraio 2020.

Depositato in cancelleria il 10 giugno 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA