Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 11052 del 19/04/2019

Cassazione civile sez. trib., 19/04/2019, (ud. 03/04/2019, dep. 19/04/2019), n.11052

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANZON Enrico – Presidente –

Dott. BRUSCHETTA Ernestino Luigi – Consigliere –

Dott. NONNO Giacomo Maria – Consigliere –

Dott. D’AQUINO Filippo – Consigliere –

Dott. FICHERA Giuseppe – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso iscritto al n. 04697/2017 R.G. proposto da:

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (C.F. (OMISSIS)), in persona del

direttore pro tempore, rappresentata e difesa dall’avvocatura

generale dello Stato, elettivamente domiciliata presso i suoi uffici

in Roma via dei Portoghesi 12.

– ricorrente –

contro

Puro Italian Style s.p.a. (C.F. (OMISSIS)), in persona del legale

rappresentante pro tempore, rappresentata e difesa dagli avv.ti

Filippo Bruno e Anselmo Carlevaro, elettivamente domiciliata presso

lo studio di quest’ultimo, in Roma via Gian Giacomo Porro 8.

– controricorrente –

Avverso la sentenza n. 952/01/2016 della Commissione Tributaria

Regionale della Liguria, depositata il 6 luglio 2016.

Sentita la relazione svolta all’udienza del 3 aprile 2019 dal

Consigliere Giuseppe Fichera.

Udite le conclusioni del Sostituto Procuratore Generale Immacolata

Zeno, che ha chiesto l’accoglimento del ricorso.

Uditi l’avv. Anna Collabolletta per la ricorrente.

Fatto

FATTI DI CAUSA

Puro Italian Style s.p.a. impugnò due atti di contestazione notificati dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, con cui erano state irrogate sanzioni amministrative per l’errata classificazione di merci importate dall’estero nell’anno 2010, in dipendenza della diversa tipologia dei materiali utilizzati rispetto a quanto indicato nella dichiarazione doganale.

Respinta l’impugnazione in primo grado, Puro Italian Style s.p.a. propose appello innanzi alla Commissione Tributaria Regionale della Liguria, che lo accolse, con sentenza depositata il 6 luglio 2016, osservando che la classificazione delle merci importata in Italia dall’appellante era risultata corretta, alla luce della informazione tariffaria vincolante (ITV) rilasciata successivamente all’importazione dalla medesima amministrazione doganale.

Avverso la detta sentenza, l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha proposto ricorso per cassazione affidato a due motivi, cui resiste con controricorso Puro Italian Style s.p.a.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. Con il primo motivo l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli lamenta violazione del Reg. CEE del Consiglio n. 2913/1992 (Codice doganale comunitario), art. 12, par. 2, poichè erroneamente il giudice di merito avrebbe valutato la condotta dell’importatrice sulla base della decisione contenuta nella informazione tariffaria vincolante (la c.d. ITV), nonostante fosse risultata applicabile soltanto alle operazioni successive al suo rilascio.

1.1. Il motivo è infondato.

E’ vero infatti che, ai sensi dell’art. 12, par. 2, del Codice doganale comunitario, l’informazioni tariffaria vincolante (ITV) rilasciata dall’amministrazione “è obbligatoria per l’autorità doganale soltanto in relazione alle merci per le quali le formalità doganali sono state espletate in data posteriore alla comunicazione dell’informazione da parte di detta autorità”.

Nella vicenda che ci occupa, tuttavia, la commissione tributaria regionale non ha inteso applicare erroneamente la suddetta norma, bensì ha ritenuto – con un accertamento in fatto, qui non sindacabile – che le merci importate dalla Puro rispettassero esattamente la classificazione dichiarata in dogana (quali “oggetti da tasca o da borsetta con superficie esterna di materie tessili”), proprio in forza di quanto attestato dalla successiva ITV emessa su sua richiesta dall’autorità doganale ai sensi dell’art. 12 del Codice.

Dunque, corretta si mostra la decisione impugnata nella parte in cui ha annullato le sanzioni amministrative applicate all’importatrice, per una violazione doganale che – alla luce di quanto accertato in fatto dal giudice di merito – non risultava commessa dall’importatrice attraverso la dichiarazione doganale di cui si discorre.

2. Con il secondo motivo assume la nullità della sentenza per motivazione apparente, ex art. 360 c.p.c., comma 1, n. 4), avendo il giudice di merito affermato l’esistenza di controlli preventivi di laboratorio richiesti dall’importatrice, giammai espletati.

2.1. Il motivo resta inammissibile per difetto di interesse, avuto riguardo al rigetto delle doglianze, avverso la parte della motivazione su cui si regge autonomamente la decisione impugnata.

3. Le spese seguono la soccombenza. Essendo la ricorrente una amministrazione dello Stato esonerata dal versamento del contributo unificato, va escluso per la predetta l’obbligo di versare dell’ulteriore importo pari a quello dovuto per il ricorso principale, ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, nel testo introdotto dalla L. n. 228 del 2012, art. 1, comma 17, (Cass. 29/01/2016, n. 17789).

P.Q.M.

Respinge il ricorso. Condanna la ricorrente al pagamento, in favore della controricorrente, delle spese del giudizio di legittimità, che liquida in Euro 1.400,00 per compensi, oltre alle spese generali al 15% e agli accessori di legge.

Così deciso in Roma, il 3 aprile 2019.

Depositato in Cancelleria il 19 aprile 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA