Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 11016 del 26/04/2021

Cassazione civile sez. I, 26/04/2021, (ud. 08/02/2021, dep. 26/04/2021), n.11016

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GENOVESE Francesco Antonio – Presidente –

Dott. MELONI Marina – Consigliere –

Dott. ACIERNO Maria – Consigliere –

Dott. MARULLI Marco – rel. Consigliere –

Dott. SCALIA Laura – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 14760/2019 proposto da:

Y.M., domiciliato in Roma presso la cancelleria della

Corte di Cassazione rappresentato e difeso dall’avvocato Nicoletta

Maria Mauro, giusta procura in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

Ministero dell’interno;

– intimato –

avverso il decreto RG 5664/2017 del Tribunale di Lecce, depositato il

10/04/2019;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

8/2/2021 dal Cons. Dott. Marulli Marco.

 

Fatto

RITENUTO IN FATTO E CONSIDERATO IN DIRITTO

1. Con il ricorso in atti si impugna l’epigrafato decreto con il quale il Tribunale di Lecce, attinto dal ricorrente ai sensi del D.Lgs. 28 gennaio 2008, n. 25, art. 35-bis, ha respinto le domande del medesimo intese al riconoscimento della protezione internazionale e della protezione umanitaria e se ne chiede la cassazione sul rilievo della violazione del D.Lgs. n. 25 del 2008, art. 8, comma 2, avendo il decidente denegato il richiesto riconoscimento senza procedere ad una valutazione delle domande in modo individuale, obiettivo ed imparziale.

Non ha svolto attività difensiva il Ministero intimato.

2. Di seguito al proposto ricorso con atto sottoscritto dal medesimo ricorrente il ricorrente ha inteso rinunciare allo stesso.

Va perciò dichiarata l’estinzione del giudizio a mente dell’art. 391 c.p.c., a spese compensate.

P.Q.M.

Dichiara estinto il giudizio di cassazione per intervenuta rinuncia. Spese compensate.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio della I sezione civile, il 8 febbraio 2021.

Depositato in Cancelleria il 26 aprile 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA