Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 11005 del 19/05/2011

Cassazione civile sez. III, 19/05/2011, (ud. 30/03/2011, dep. 19/05/2011), n.11005

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TRIFONE Francesco – Presidente –

Dott. CHIARINI Maria Margherita – Consigliere –

Dott. SPIRITO Angelo – rel. Consigliere –

Dott. DE STEFANO Franco – Consigliere –

Dott. SCARANO Luigi Alessandro – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

BA.RO. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in

ROMA, VIALE GIULIO CESARE 14 A-4, presso lo studio dell’avvocato

PAFUNDI GABRIELE, che lo rappresenta e difende unitamente agli

avvocati BUSETTO FRANCESCA, BIANCHINI ALFREDO giusta delega a margine

del ricorso;

– ricorrente –

contro

B.C., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA TIGRE’ 37

presso lo studio dell’avvocato CAFFARELLI FRANCESCO, che lo

rappresenta e difende unitamente all’avvocato FORZA ANTONIO giusta

delega a margine del controricorso;

ASSICURAZIONI GENERALI S.P.A., in persona del legale rappresentante

p.t., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA CARLO POMA 4, presso lo

studio dell’avvocato GELLI PAOLO, che la rappresenta e difende

unitamente all’avvocato TRIVELLATO FERDINANDO giusta delega a margine

del controricorso;

– controricorrenti –

e contro

ULSS/(OMISSIS) VENETO;

– intimato –

avverso la sentenza n. 1319/2008 della CORTE D’APPELLO di VENEZIA,

SEZIONE 4 CIVILE, emessa il 02/07/2008, depositata il 09/10/2008

R.G.N. 1010/2005;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

30/03/2011 dal Consigliere Dott. ANGELO SPIRITO;

udito l’Avvocato BUSETTO FRANCESCA;

udito l’Avvocato GIARDIELLO ENZO (per delega dell’Avv. GELLI PAOLO);

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

CICCOLO Pasquale Paolo Maria che ha concluso con l’inammissibilità,

in subordine il rigetto del ricorso.

La Corte:

Fatto

RILEVATO IN FATTO

che:

con la sentenza ora impugnata per cassazione la Corte d’appello di Venezia ha confermato la prima sentenza che aveva condannato il medico prof. Ba. al risarcimento dei danni in favore del B. per responsabilità professionale costituita dall’aver prescritto un’errata terapia (in particolare l’assunzione di un determinato farmaco) che aveva cagionato al paziente gravi danni alla vista, rimettendo la causa in istruttoria per la liquidazione del danno;

il ricorso del Ba. è svolto in quattro motivi;

rispondono con controricorso il B. e le Ass.ni Generali;

il Ba. ed il B. hanno depositato memorie per l’udienza;

il primo motivo critica la sentenza nel punto in cui ha riconosciuto sussistere il nesso di causalità tra l’attività svolta dal professionista ed i danni lamentati dalla vittima, soprattutto con riferimento a prescrizioni del farmaco da parte di medici diversi dal Ba.;

il secondo motivo censura la sentenza per essersi limitata ad accertare la causalità astratta, senza aver proceduto ad accertare quella concreta (ossia, che l’attore fosse effettivamente affetto da maculopatia, che questa fosse effettivamente dipesa dall’assunzione dello specifico farmaco prescritto dal Ba., che il farmaco fosse stato assunto in modo prolungato e che questa prolungata assunzione fosse da ascriversi alla condotta del Ba.);

il terzo motivo sostiene che la sentenza avrebbe omesso, nell’affermare il mancato assolvimento dell’obbligo di informazione, di considerare “la natura occasionale e diluita” delle prestazioni del prof. Ba.;

il quarto motivo si riferisce al punto in cui la sentenza rigetta l’eccezione di prescrizione perchè la malattia si manifestò solo alla fine del 1993 ed il ricorrente sostiene che mancherebbe la prova (a carico dell’attore) della circostanza.

Diritto

OSSERVA IN DIRITTO

che:

i motivi, che possono essere congiuntamente esaminati, sono in parte inammissibili ed in parte infondati; sono inammissibili laddove tendono, in sede di legittimità, ad una nuova valutazione della prova e ad un diverso accertamento dei fatti;

sono infondati laddove lamentano violazioni di legge e vizi della motivazione;

infatti, quanto al nesso causale, la sentenza pone in evidenza che:

il professionista non ha mai posto in discussione nè l’affezione da parte dell’attore della maculopatia, nè il rapporto eziologico tra questa malattia e l’assunzione dello specifico farmaco prescritto dal Ba.; a tal riguardo è dato conto della comparsa di risposta del medico in primo grado; la derivazione causale in questione è dimostrata dalla documentazione medica prodotta dall’attore;

inoltre, la sentenza contiene la decisiva e corretta affermazione secondo cui l’eventuale responsabilità di altri medici che abbiano prescritto o fornito il farmaco in questione non esclude la responsabilità concorrente e solidale del Ba., il quale non ha fornito la prova che quelle condotte furono da sole sufficienti a cagionare il danno; quanto alla causalità astratta e concreta alla quale fa riferimento il secondo motivo, occorre ribadire che la sentenza di condanna generica pronunciata nel corso di un giudizio di risarcimento del danno aquiliano di norma presuppone il positivo accertamento del nesso di causalità cosiddetta “materiale” (“ex” art. 40 c.p.) tra la condotta e l’evento produttivo di danno, sicchè nel successivo giudizio sul “quantum” resta da accertare soltanto il nesso di causalità cosiddetta “giuridica” (“ex” art. 1223 cod. civ.) tra l’evento di danno ed i pregiudizi che ne sono derivati (tra le più recenti, cfr. Cass. n. 3357/09);

quanto all’obbligo d’informazione ed all’onere della relativa prova basta ricordare che la responsabilità professionale del medico – ove pure egli si limiti alla diagnosi ed all’illustrazione al paziente delle conseguenze della terapia o dell’intervento che ritenga di dover compiere, allo scopo di ottenerne il necessario consenso informato – ha natura contrattuale e non precontrattuale; ne consegue che, a fronte dell’allegazione, da parte del paziente, dell’inadempimento dell’obbligo di informazione, è il medico gravato dell’onere della prova di aver adempiuto tale obbligazione (Cass. n. 2847/10);

quanto alla prescrizione ed alla sua decorrenza, la sentenza effettua un compiuto accertamento in ordine all’epoca in cui si manifestò e fu diagnosticata la malattia e furono compiuti gli atti interruttivi;

in conclusione, non manifestandosi alcun vizio di legittimità, il ricorso deve essere respinto, con condanna del ricorrente a rivalere il B. delle spese sopportate nel giudizio di cassazione (l’atto della Ass.ni Generali spa aderisce al ricorso del Ba. e ne chiede l’accoglimento).

P.Q.M.

LA CORTE rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di cassazione in favore del B., che liquida in complessivi Euro 2200,00, di cui Euro 200,00 per spese, oltre spese generali ed accessori di legge.

Così deciso in Roma, il 30 marzo 2011.

Depositato in Cancelleria il 19 maggio 2011

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA