Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 10949 del 06/05/2010

Cassazione civile sez. III, 06/05/2010, (ud. 22/04/2010, dep. 06/05/2010), n.10949

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI NANNI Luigi Francesco – Presidente –

Dott. FILADORO Camillo – Consigliere –

Dott. AMATUCCI Alfonso – Consigliere –

Dott. SPAGNA MUSSO Bruno – Consigliere –

Dott. TRAVAGLINO Giacomo – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 15474-2006 proposto da:

V.A.A. (OMISSIS), elettivamente domiciliato

in ROMA, VIA R. GRAZIOLI LANTE 16, presso lo studio dell’avvocato

BONAIUTI DOMENICO, che lo rappresenta e difende unitamente

all’avvocato BORROMEO ANTONELLA giusta delega in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

B.F.I. (OMISSIS), B.F.

(OMISSIS), C.G.F.P.

(OMISSIS);

– intimati –

sul ricorso 19299-2006 proposto da:

B.F., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA UMBERTO

BOCCIONI 4, presso lo studio dell’avvocato CASSIANO ANTONIO, che la

rappresenta e difende giusta delega a margine del controricorso e

ricorso incidentale;

– ricorrente –

contro

V.A.A., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA R.

GRAZIOLI LANTE 16, presso lo studio dell’avvocato BONATUTI DOMENICO,

che io rappresenta e difende unitamente all’avvocato BORROMEO

ANTONELLA giusta delega in calce al ricorso principale;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 2258/2005 della CORTE D’APPELLO di MILANO, 3^

SEZIONE CIVILE, emessa il 20/9/2005, depositata il 28/09/2005, R.G.N.

2940/2002;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

22/04/2010 dal Consigliere Dott. GIACOMO TRAVAGLINO;

udito l’Avvocato DOMENICO BONAIUTI;

udito l’Avvocato ANTONIO CASSIANO;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

RUSSO Libertino Alberto che ha concluso per r.n.r. per: integrazione

del contraddittorio, nel merito accoglimento del ricorso principale,

rigetto del ricorso incidentale.

La Corte:

 

Fatto

FATTO E DIRITTO

rilevata la necessità di integrare il contraddittorio nei confronti di V.O., litisconsorte necessario nel processo, ordina la notificazione nei confronti del medesimo e la rinnovazione della notificazione nei confronti di ciascuna delle erede B., attesane la medesima qualità di litisconsorti necessarie.

Dispone altresì che i suddetti incombenti vengano eseguiti nel termine di gg. 60 dalla comunicazione della presente ordinanza.

P.Q.M.

Così deciso in Roma, il 22 aprile 2010.

Depositato in Cancelleria il 6 maggio 2010

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA