Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 10940 del 09/06/2020

Cassazione civile sez. VI, 09/06/2020, (ud. 19/02/2020, dep. 09/06/2020), n.10940

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ACIERNO Maria – Presidente –

Dott. PARISE Clotilde – rel. Consigliere –

Dott. IOFRIDA Giulia – Consigliere –

Dott. MERCOLINO Guido – Consigliere –

Dott. CAIAZZO Rosario – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 18883-2019 proposto da:

G.O., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR, presso

la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentato e difeso dall’avvocato IRENE

MARUCCO;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO COMMISSIONE TERRITORIALE PER IL RICONOSCIMENTO

DELLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE DI TORINO, PROCURA GENERALE DELLA

REPUBBLICA PRESSO LA CORTE DI CASSAZIONE;

– intimati –

avverso il decreto del TRIBUNALE di TORINO, depositato il 06/05/2019;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 19/02/2020 dal Consigliere Relatore Dott.ssa PAIRISE

CLOTILDE.

Fatto

RILEVATO

CHE:

1. Con decreto n. 2896/2019 depositato il 06-05-2019 il Tribunale di Torino ha respinto il ricorso di G.O., cittadino della Nigeria, avente ad oggetto in via gradata il riconoscimento dello status di rifugiato, della protezione sussidiaria e di quella umanitaria, all’esito di diniego di tutela della locale commissione territoriale. Il Tribunale ha ritenuto che fosse non credibile la vicenda personale narrata dal richiedente, il quale riferiva di essere fuggito dalla Nigeria per timore di essere ucciso da suo zio per questioni ereditarie. Il Tribunale ha ritenuto che non ricorressero i presupposti per il riconoscimento di alcuna forma di protezione, avuto anche riguardo alla situazione generale della zona Sud della Nigeria, descritta nel decreto impugnato, con indicazione delle fonti di conoscenza.

2. Avverso il suddetto provvedimento, il ricorrente propone ricorso per cassazione, affidato a due motivi, nei confronti del Ministero dell’Interno, che è rimasto intimato.

Diritto

CONSIDERATO

CHE:

1. Il ricorrente, in via preliminare, formula “richiesta di

sollevare una questione di legittimità costituzionale del D.Lgs. n. 25 del 2008, art. 35-bis, introdotto dalla L. n. 46 del 2017, art. 6, comma 1, lett. g), per violazione dell’art. 3 Cost., comma 1; art. 24 Cost., commi 1 e 2; art. 111 Cost., commi 1, 2 e 5; art. 117 Cost., comma 1, così come integrato dall’art. 46, paragr. 3 della Direttiva n. 32/2013 e degli artt. 6 e 13 della CEDU, per quanto concerne la previsione di rito camerale ex art. 737 c.p.c. e s.s., e relative deroghe espresse dal legislatore, nelle controversie in materia di protezione internazionale”.

1.1. Con il primo motivo il ricorrente lamenta “Nel merito: violazione e/o erronea applicazione, ex art. 360 c.p.c., n. 3 del D.Lgs. n. 251 del 2007, art. 14, lett. b) e c), in combinato disposto con il D.Lgs. n. 25 del 2008, art. 8, anche in relazione alla mancata audizione del richiedente e alla totale assenza di motivazione sul punto”. Si duole il ricorrente del rigetto della sua istanza di audizione personale, avendo il Tribunale, senza nulla motivare in ordine a detta istanza, disposto solo l’udienza di comparizione. Rimarca che il suo racconto, per quanto semplice alla luce dei suoi scarsi strumenti culturali e della sua giovane età, era coerente con il quadro della situazione in Nigeria, come risultante dalle fonti di conoscenza che richiama. Lamenta di non aver potuto chiarire gli elementi di incoerenza, genericità e contraddittorietà evidenziati dal Tribunale, stante, per l’appunto, la sua mancata audizione personale.

1.2. Con il secondo il ricorrente lamenta “Nel merito: violazione e/o falsa applicazione, ex art. 360 c.p.c., n. 1 e 3 degli is. 5, comma 6, D.Lgs n. 286 del 1998, art. 19, ed in relazione all’art. 10 Cost., comma 3”. Censura il decreto impugnato, in ordine al diniego della protezione umanitaria, per errata valutazione della sua condizione di vulnerabilità dipendente dalle terribili e tragiche esperienze subite, e rileva la mancata considerazione del fattore di integrazione sociale, richiamando la giurisprudenza di questa Corte (Cass. n. 4455/2018).

2. Ritiene il Collegio opportuno rimettere la causa alla pubblica udienza, ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c., u.c., con riferimento alla censura articolata nel primo motivo (p. 1.1.), trattandosi di questione oggetto anche di altri ricorsi per i quali è prossima la fissazione in pubblica udienza avanti alla Prima Sezione civile di questa Corte (ordinanze interlocutorie n. 34044/2019 e n. 33389/2019).

P.Q.M.

Rimette la causa alla pubblica udienza della Prima Sezione civile.

Così deciso in Roma, il 19 febbraio 2020.

Depositato in cancelleria il 9 giugno 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA