Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 10891 del 18/05/2011

Cassazione civile sez. trib., 18/05/2011, (ud. 24/03/2011, dep. 18/05/2011), n.10891

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MERONE Antonio – Presidente –

Dott. DI IASI Camilla – Consigliere –

Dott. DI BLASI Antonino – rel. Consigliere –

Dott. GRECO Antonio – Consigliere –

Dott. OLIVIERI Stefano – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

COMUNE ROMA, in persona del legale rappresentante pro tempore,

rappresentato e difeso, giusta procura a margine del ricorso,

dall’Avv. Raimondo Angela, nello studio del quale, in Roma, Via del

Tempio di Giove, 21 è elettivamente domiciliato;

– ricorrente –

contro

SIRAN SRL, in persona del legale rappresentante pro tempore,

rappresentata e difesa, giusta delega a margine del controricorso,

dall’Avv. Fierro Ferrara Antonio, elettivamente domiciliata nel

relativo studio in Roma, Via Claudio Monteverdi 16;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 20/20/2007 della Commissione Tributaria

Regionale di Roma – Sezione n. 20, in data 26/01/2007, depositata il

03 aprile 2007.

Udita la relazione della causa svolta nella Camera di Consiglio del

24 marzo 2011 dal Relatore Dott. Antonino Di Blasi;

Presente il P.M. Dott. DESTRO Carlo.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO E MOTIVI DELLA DECISIONE

Nella causa iscritta al n. 14395/2008 R.G. è stata depositata in cancelleria la seguente relazione:

1 – E’ chiesta la cassazione della sentenza n. 20/20/2007, pronunziata dalla CTR di Roma Sezione n. 20 il 26.01.2 007 e DEPOSITATA il 03 aprile 2007.

Il ricorso, che attiene ad impugnazione di silenzio rifiuto su domanda rimborso, relativa ad ICI degli anni dal 2000 al 2002, censura l’impugnata decisione per omessa, insufficiente e contraddittoria motivazione, nonchè per violazione del D.Lgs. n. 504 del 1992, art. 5, comma 3.

2 – L’intimata società, ha chiesto il rigetto dell’impugnazione.

3 – La decisione impugnata, ha accolto l’appello del contribuente e riconosciuto il diritto al chiesto rimborso, nella considerazione che il passaggio dal valore contabile a quello catastale legittimasse la richiesta di restituzione della differenza tra quanto pagato in base al primo e quanto dovuto effettivamente sulla base della rendita, successivamente determinata dall’DTE. 4 – La questione posta dal ricorso in esame sembra possa definirsi sulla base di principio affermato da pregresse pronunce di questa Corte, secondo cui “In tema di ICI e con riferimento alla base imponibile dei fabbricati non iscritti in catasto, posseduti da imprese e distintamente contabilizzati, il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 504, art. 5, comma 3, ha previsto, fino alla attribuzione della rendita catastale, un metodo di determinazione della base imponibile collegato alle iscrizioni contabili. Pertanto, fino a che la richiesta di attribuzione della rendita non viene formulata, il proprietario del fabbricato di categoria D è tenuto ad applicare il regime del valore contabile; ma dal momento in cui fa la richiesta egli, pur applicando ormai in via precaria il metodo contabile, diventa titolare di una situazione giuridica nuova derivante dall’adesione al sistema generale della rendita catastale, sicchè1 può avere il dovere di pagare una somma maggiore (ove intervenga un accertamento in tali sensi) o può avere il diritto a pagare una somma minore ed a chiedere il relativo rimborso nei termini di legge.

Il principio ritraibile dalla L. 21 novembre 2000, n. 342, art. 74, comma 3, secondo il quale, per le rendite attribuite prima del 31 dicembre 1999, le maggiori o minori imposte possono essere chieste sia dal titolare dal lato attivo, che dal titolare dal lato passivo, non modifica il predetto sistema, confermando, sia pur implicitamente, il diritto al rimborso previsto dal D.Lgs. n. 504 del 1992, art. 13, collegato evidentemente alla attribuzione della rendita” (Cass. n. 13077/2005, n. 6255/2007).

5 – Ciò posto, si ritiene sussistano i presupposti per la trattazione del ricorso in Camera di Consiglio e la relativa definizione, ai sensi degli artt. 375 e 380 bis c.p.c., proponendosi, previa integrazione della motivazione dell’impugnata sentenza nel senso della decorrenza della rendita catastale dalla data della richiesta di attribuzione della rendita, il rigetto del ricorso, per manifesta infondatezza.

Il Relatore Cons. Antonino Di Blasi.

LA CORTE:

Vista la relazione, il ricorso, il controricorso e gli altri atti di causa; Considerato che in esito alla trattazione della causa, il Collegio, condividendo la relazione, ritiene che l’impugnazione del Comune ricorrente, alla stregua del richiamato principio, debba essere rigettata, per manifesta infondatezza e la sentenza di appello, integrata nella motivazione, nei sensi indicati nella trascritta relazione (decorrenza della rendita catastale dalla data di presentazione della relativa domanda di attribuzione), vada confermata.

Considerato, altresì, che avuto riguardo all’epoca del consolidarsi dell’applicato principio, le spese del giudizio vanno compensate.

Visti gli artt. 375 e 380 bis c.p.c..

P.Q.M.

Rigetta il ricorso, conferma la decisione di appello, integrata nella motivazione, e compensa le spese del giudizio.

Così deciso in Roma, il 24 marzo 2011.

Depositato in Cancelleria il 18 maggio 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA