Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 1087 del 21/01/2021

Cassazione civile sez. VI, 21/01/2021, (ud. 26/11/2020, dep. 21/01/2021), n.1087

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCALDAFERRI Andrea – rel. Presidente –

Dott. VALITUTTI Antonio – Consigliere –

Dott. MELONI Marina – Consigliere –

Dott. MARULLI Marco – Consigliere –

Dott. NAZZICONE Loredana – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 19893-2019 proposto da:

H.M., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR

presso la CANCELLERIA della CORTE di CASSAZIONE, rappresentato e

difeso dall’avvocato ANTONINO CIAFARDINI;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO (OMISSIS);

– intimato –

avverso l’ordinanza n. 9648/2019 della CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE di

ROMA, depositata il 05/04/2019;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 26/11/2020 dal Presidente Relatore Dott. SCALDAFERRI

ANDREA.

 

Fatto

FATTO E DIRITTO

La Corte:

rilevato che il signor H.M. ha chiesto la correzione di errore materiale della ordinanza n. 9648/2019 di questa Corte, depositata in data 5 aprile 2019, con la quale è stato accolto il ricorso dal medesimo proposto avverso la sentenza n. 2243/2017 emessa dalla Corte d’appello di L’Aquila nel giudizio per riconoscimento di protezione internazionale instaurato nei confronti del Ministero dell’Interno;

considerato che viene richiesta la correzione dell’errore materiale nella motivazione della ordinanza, là dove questa Corte ha inesattamente indicato il nome della parte ricorrente ed il numero della sentenza impugnata;

ritenuto che la richiesta è fondata;

ritenuto che, secondo l’orientamento più volte espresso da questa Corte, l’omessa, incompleta o inesatta indicazione, nella sentenza o nella ordinanza decisoria, del nominativo di una delle parti in causa, non è motivo di nullità, ma costituisce mero errore, emendabile con la procedura prevista per la correzione degli errori materiali, qualora dagli atti sia individuabile inequivocamente la parte pretermessa o inesattamente indicata, e dal contesto della sentenza risulti con sufficiente chiarezza tale identificazione (cfr. Cass. Sez. 3 n. 4796/2006; Sez. 2 n. 5660/2015);

che, nella specie, l’inesattezza dell’indicazione del nominativo del ricorrente e della sentenza impugnata risulta evidente dal confronto delle espressioni erronee con la epigrafe della ordinanza, ove il ricorrente viene esattamente indicato con il suo nome, e la sentenza impugnata viene esattamente indicata con il suo numero;

che non vi è luogo per provvedere sulle spese di questo procedimento (cfr. Cass. n. 8103/08).

P.Q.M.

La Corte dispone la correzione degli errori materiali contenuti a pag. 2 della motivazione della ordinanza n. 9648/2019 di questa Corte nel senso che là dove è scritto ” G.N.” si legga ” H.M.”, e dove è scritto “sentenza n. 2246 del 7.12.2017” si legga “sentenza n. 2243 del 7.12.2017”, fermo il resto.

Così deciso in Roma, il 26 novembre 2020.

Depositato in Cancelleria il 21 gennaio 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA