Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 10868 del 18/05/2011

Cassazione civile sez. un., 18/05/2011, (ud. 05/04/2011, dep. 18/05/2011), n.10868

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONI UNITE CIVILI

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VITTORIA Paolo – Primo Pres.te f.f. –

Dott. DE LUCA Michele – Presidente sezione –

Dott. FIORETTI Francesco Maria – Consigliere –

Dott. MAZZIOTTI DI CELSO Lucio – Consigliere –

Dott. DI PALMA Salvatore – Consigliere –

Dott. MACIOCE Luigi – Consigliere –

Dott. BUCCIANTE Ettore – Consigliere –

Dott. VIVALDI Roberta – Consigliere –

Dott. SPIRITO Angelo – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

B.A. ((OMISSIS)), elettivamente domiciliato in ROMA,

PIAZZA MAZZINI 27, presso lo studio dell’avvocato DI GIOIA GIOVANNI,

che lo rappresenta e difende, per delega a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLICHE SOCIALI, ORDINE

DEI MEDICI CHIRURGHI E ODONTOIATRI DI MILANO;

– intimati –

avverso la decisione n. 62/2008 della COMMISSIONE CENTRALE PER GLI

ESERCENTI LE PROFESSIONI SANITARIE, depositata il 29/01/2009;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

05/04/2011 dal Consigliere Dott. ANGELO SPIRITO;

udito l’Avvocato Giovanni DI GIOIA;

udito il P.M. in persona dell’Avvocato Generale Dott. CENICCOLA

Raffaele, che ha concluso per l’inammissibilità del ricorso.

La Corte:

Fatto

RILEVATO IN FATTO

che:

l’odontoiatra dr. A.B. nel 2003 ottenne dall’Ordine dei Medici ed Odontoiatri di Milano il nulla osta per la pubblicità sanitaria; nel 2006 ricevette a comunicazione di un secondo provvedimento con il quale “a seguito di proteste pervenute da parte di Presidenti di Ordini” era confermato il precedente nulla osta “annullando la dizione “estetica orale contestualmente al logo in quanto trattasi di dizione non ammessa dalla vigente normativa e dalla delibera di quest’Ordine del 28.01.2002 sulla pubblicità sanitaria”;

il dr. B. impugnò tale ultimo provvedimento innanzi alla Commissione Centrale per gli Esercenti la Professione Sanitaria, la quale, con decisione del 29 gennaio 2009, ha ritenuto che la materia oggetto del gravame non rientri nella propria giurisdizione e, dunque, ha dichiarato inammissibile il ricorso;

il dr. B. propone ricorso per cassazione avverso la decisione della CCEPS, attraverso tre motivi; non resistono gli intimati;

osserva che: il ricorso è fondato;

occorre ribadire che, con riguardo al provvedimento dell’ordine dei medici in tema di modalità per affissioni od altre pubblicità inerenti a studi o strutture sanitarie, che venga impugnato non quale atto del procedimento amministrativo rivolto a conseguire l’autorizzazione per dette pubblicità, ma quale direttiva emanata alla stregua del codice di deontologia professionale, deve essere affermata la competenza giurisdizionale della commissione centrale per gli esercenti le professioni sanitarie, ai sensi del D.L.G.C.P.S. 13 settembre 1946, n. 233, art. 5 considerato che tale norma riguarda tutti gli atti pertinenti alla materia disciplinare, ancorchè di tipo preventivo, non soltanto quelli irrogativi di sanzioni (Sez. Un. 5 settembre 1989, n. 3836);

nella specie, il provvedimento è stato impugnato dal dr. B. non quale atto del procedimento amministrativo rivolto a conseguire l’autorizzazione per la pubblicità, bensì come atto limitativo (della già concessa autorizzazione) per ragioni deontologiche (in esso sono menzionate le “proteste pervenute da parte di Presidenti di Ordini”, con evidente riferimento a ragioni di decoro professionale);

erroneamente, dunque, la decisione impugnata ha ritenuto che la giurisdizione della CCEPS sia limitata alle vertenze attinenti all’iscrizione alla cancellazione dall’albo professionale, alle elezioni dei componenti del Consiglio direttivo dell’Ordine o Collegio professionale ed all’applicazione delle sanzioni disciplinari, senza tener conto, invece, che alla materia disciplinare appartengono anche i provvedimenti di tipo preventivo, che comunque attengano alla deontologia professionale;

il ricorso deve essere, quindi, accolto, la decisione impugnata va cassata e va dichiarata la giurisdizione della CCEPS.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso, cassa la decisione impugnata e dichiara la giurisdizione della Commissione Centrale per gli Esercenti le Professioni Sanitarie, innanzi alla quale rimette le parti.

Così deciso in Roma, il 5 aprile 2011.

Depositato in Cancelleria il 18 maggio 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA