Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 10862 del 05/05/2010

Cassazione civile sez. II, 05/05/2010, (ud. 25/03/2010, dep. 05/05/2010), n.10862

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TRIOLA Roberto Michele – rel. Presidente –

Dott. MAZZIOTTI DI CELSO Lucio – Consigliere –

Dott. BURSESE Gaetano Antonio – Consigliere –

Dott. MAZZACANE Vincenzo – Consigliere –

Dott. SAN GIORGIO Maria Rosaria – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso 3670/2007 proposto da:

M.M., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA LUIGI

RIZZO 36, presso lo studio dell’avvocato CARRIERI CARLO,

rappresentata e difesa dall’avvocato BARTALINI Guido;

– ricorrente –

contro

COMUNE DI MILANO in persona del Sindaco pro tempore, elettivamente

domiciliato in ROMA, VIA LARGO 545 TEMISTOCLE SOLERA 7/10, presso lo

studio dell’avvocato PIROCCHI Francesco, che lo rappresenta e difende

unitamente agli avvocati SURANO MARIA RITA, SAVASTA ELENA;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 16482/2006 del GIUDICE DI PACE di MILANO,

depositata il 31/05/2006;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

25/03/2010 dal Presidente Dott. ROBERTO MICHELE TRIOLA;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

FEDELI Massimo, che è concorde alle richieste come da relazione ai

sensi dell’art. 380 bis c.p.c., depositato in cancelleria dal

relatore in data 18/12/2009.

La Corte:

 

Fatto

FATTO E DIRITTO

Premesso:

– che M.M. ha proposto ricorso per cassazione contro la sentenza del Giudice di pace di Milano depositata in data 31 maggio 2006, con la quale veniva accolta l’opposizione dalla stessa proposta contro due verbali di infrazione al codice della strada redatti a suo carico dalla polizia municipale di Milano;

– che la ricorrente si è lamentata della compensazione delle spese;

– che il Comune di Milano ha resistito con controricorso.

Rilevato che, come dedotto con la relazione ex art. 380 bis cod. proc. civ., per effetto dell’abrogazione (D.Lgs. n. 400 del 2006, art. 26) del disposto di cui alla L. n. 689 del 1981, art. 23, u.c., le sentenze pubblicate, come nella specie, dopo il 2 marzo 2006, emesse nel giudizio di opposizione a sanzioni amministrative, sono diventate appellabili;

Ritenuto, pertanto, che il ricorso per cassazione va dichiarato inammissibile, con condanna della ricorrente al pagamento, nei confronti del Comune di Milano, delle spese del giudizio di legittimità, che si liquidano come da dispositivo.

PQM

dichiara inammissibile il ricorso; condanna la ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di cassazione, che liquida nella complessiva somma di Euro 700,00, di cui Euro 500,00 per onorari, ed oltre accessori.

Così deciso in Roma, il 25 marzo 2010.

Depositato in Cancelleria il 5 maggio 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA