Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 10849 del 04/05/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. lav., 04/05/2017, (ud. 09/02/2017, dep.04/05/2017),  n. 10849

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. NOBILE Vittorio – Presidente –

Dott. MANNA Antonio – Consigliere –

Dott. NEGRI DELLE TORRE Paolo – Consigliere –

Dott. PATTI Adriano Piergiovanni – Consigliere –

Dott. AMENDOLA Fabrizio – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 3777-2012 proposto da:

D.U. C.F. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in ROMA,

VIA LAZZARO SPALLANZANI 36, presso lo studio dell’avvocato VITTORIO

BRUZZONE, rappresentato e difeso dall’avvocato GIUSEPPE NATARELLA,

giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

FERROVIA ADRIATICA SANGRITANA FAS S.P.A. P.I. (OMISSIS);

– intimata –

Nonchè da:

FERROVIA ADRIATICA SANGRITANA FAS S.P.A. P.I. (OMISSIS), in persona

del legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in

ROMA, VIA RUGGERO FAURO, 102, presso lo studio dell’avvocato ALESSIO

COSTANTINI, rappresentata e difesa dagli avvocati RAFFAELLO CARINCI,

VINCENZO ANTONUCCI, giusta delega in atti;

– controricorrente e ricorrente incidentale –

contro

D.U. C.F. (OMISSIS);

– intimata –

avverso la sentenza n. 1508/2010 della CORTE D’APPELLO di L’AQUILA,

depositata il 19/01/201 r.g.n. 398/2010;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

09/02/2017 dal Consigliere Dott. AMENDOLA FABRIZIO;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

FRESA MARIO, che ha concluso per l’inammissibilità in subordine

rigetto;

udito l’Avvocato ALBERTO DEL PINO per delega GIUSEPPE NATARELLA;

udito l’Avvocato ANNA GIZZO per delega Avvocato RAFFAELLO CARINCI e

per delega verbale Avvocato VINCENZO ANTONUCCI.

Fatto

FATTI DI CAUSA

1. La Corte di Appello di L’Aquila, con sentenza del 19 gennaio 2011, ha confermato la pronuncia di primo grado che aveva respinto la domanda di D.U. proposta nei confronti della Ferrovia Adriatico Sangritana Spa e diretta ad ottenere il riconoscimento del diritto alla progressione degli aumenti periodici di anzianità dal 1 agosto 1974, con conseguente corresponsione delle relative somme anche ai fini previdenziali e del trattamento di fine rapporto.

La Corte territoriale ha rilevato che il D. aveva fondato l’appello sulla circostanza che nel luglio 1974, al momento dell’inquadramento nella qualifica superiore, la datrice di lavoro avrebbe dovuto mantenere l’aumento periodico di anzianità che egli aveva già maturato, ciò in dipendenza dell’art. 5 del CCNL degli autoferrotranvieri all’epoca vigente che prevedeva il diritto a mantenere l’importo dell’a.p.a. già maturato qualora la retribuzione conseguente alla promozione non realizzasse un miglioramento economico pari almeno al 5%.

Ha dunque respinto il gravame affermando che la pronuncia di prime cure era correttamente pervenuta ad escludere che la nuova retribuzione realizzasse un incremento inferiore al 5% rispetto a quella minima conglobata del livello precedente che, di fatto, aveva comportato un aumento, in termini percentuali, pari al 9.98%.

2. Per la cassazione di tale sentenza ha proposto ricorso D.U. con un unico articolato motivo. Ha resistito la società con controricorso, proponendo, in caso di accoglimento del ricorso avverso, impugnazione incidentale.

3. Il Collegio ha autorizzato, come da decreto del Primo Presidente in data 14 settembre 2016, la redazione della motivazione in forma semplificata.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. Con l’unico motivo si denuncia violazione e falsa applicazione dell’art. 5 del CCNL per autoferrotranvieri del 1 giugno 1974 e degli artt. 1362, 1363 e ss. c.c. nonchè omessa e contraddittoria motivazione in relazione all’interpretazione della medesima disposizione contrattuale.

Si contesta l’assunto dei giudici di merito secondo cui la differenza del 5%, ai fini della corresponsione dell’aumento biennale, andasse verificata esclusivamente tra i minimi tabellari relativi alle due diverse qualifiche.

2. Il motivo, come formulato, è inammissibile.

Innanzitutto non viene indicato nel corpo del motivo se e dove sia stato depositato integralmente il contratto collettivo di cui si lamenta l’errata interpretazione, non consentendo l’adempimento alla funzione nomofilattica assegnata alla Corte di cassazione nell’esercizio del sindacato di legittimità sull’interpretazione della contrattazione collettiva di livello nazionale (Cass. SS.UU. n. 20075 del 2010; cfr. pure Cass. SS.UU. n. 25038 del 2013; Cass., SS. UU. n. 7161 del 2010; Cass. n. 17602 del 2011 e n. 124 del 2013, circa la specificazione nel ricorso dell’avvenuta sua produzione e della sede in cui quel documento sia rinvenibile).

Inoltre non viene adeguatamente ed efficacemente censurato l’accertamento di fatto compiuto dalla Corte di Appello, conformemente al primo giudice, in ordine alla circostanza che la retribuzione conseguente all’assunzione della superiore qualifica aveva comportato per l’istante un aumento superiore al 5%.

Neppure viene contrastata la statuizione della Corte territoriale secondo cui l’appellante D. “ha omesso di indicare i motivi di confutazione della tesi espressa nella sentenza impugnata, nulla avendo osservato in ordine all’indicato percorso argomentativo attraverso il quale il giudice è pervenuto a disattendere la domanda”.

3. Conclusivamente il ricorso principale va dichiarato inammissibile, con conseguente assorbimento del ricorso incidentale condizionato della società.

Le spese seguono la soccombenza liquidate come da dispositivo.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso principale, assorbito l’incidentale; condanna il ricorrente principale al pagamento delle spese che liquida in Euro 4.000,00 per compensi professionali, oltre alle spese forfettarie nella misura del 15%, agli esborsi liquidati in Euro 200,00, ed agli accessori di legge.

Motivazione Semplificata.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio, il 9 febbraio 2017.

Depositato in Cancelleria il 4 maggio 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA