Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 10830 del 05/06/2020

Cassazione civile sez. III, 05/06/2020, (ud. 06/02/2020, dep. 05/06/2020), n.10830

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VIVALDI Roberta – Presidente –

Dott. ROSSETTI Marco – rel. Consigliere –

Dott. TATANGELO Augusto – Consigliere –

Dott. D’ARRIGO Cosimo – Consigliere –

Dott. PORRECA Paolo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 17654-2017 proposto da:

R.G., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA ALBERICO II 5,

presso lo studio dell’avvocato ETTORE TRAVARELLI, che lo rappresenta

e difende;

– ricorrente –

contro

ROMA CAPITALE, (OMISSIS) in persona del Sindaco, elettivamente

domiciliata in ROMA, VIA DEL TEMPIO DI GIOVE 21, presso lo studio

dell’avvocato ENRICO MAGGIORE, che la rappresenta e difende;

– controricorrente –

e contro

UNICREDIT SPA;

– intimata –

avverso la sentenza n. 5093/2017 del TRIBUNALE di ROMA, depositata il

14/03/2017;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

06/02/2020 dal Consigliere Dott. MARCO ROSSETTI.

La Corte:

Fatto

RITENUTO

che il ricorso ponga a questa Corte, tra le altre, la questione di diritto consistente nello stabilire se, ed a quali condizioni, la parte vittoriosa in giudizio possa pretendere dal debitore la rifusione delle spese sostenute dopo la pronuncia della sentenza, ma prima della scadenza dello spatium deliberandi accordato dalla legge al debitore per adempiere.

Diritto

RITENUTO

che tale questione, per il suo rilievo nomofilattico, rensa opportuna la trattazione in pubblica udienza.

P.Q.M.

rinvia la causa alla pubblica udienza.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della Sezione Terza civile della Corte di cassazione, il 21 gennaio 2020.

Depositato in Cancelleria il 5 giugno 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA