Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 10772 del 03/05/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 03/05/2017, (ud. 16/02/2017, dep.03/05/2017),  n. 10772

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CIRILLO Ettore – Presidente –

Dott. MANZON Enrico – rel. Consigliere –

Dott. NAPOLITANO Lucio – Consigliere –

Dott. IOFRIDA Giulia – Consigliere –

Dott. SOLAINI Luca – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 10374-2016 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, (OMISSIS), in persona del Direttore pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e

difende ope legis;

– ricorrente –

contro

BENCIVENNI SRL, in persona del legale rappresentante, elettivamente

domiciliata in ROMA, C.SO VITTORIO EMANUELE II 287, presso lo studio

dell’avvocato ANTONIO IORIO, rappresentata e difesa dagli avvocati

FRANCESCO FALCONE, GIUSEPPE FALCONE;

– resistente –

avverso la sentenza n. 1700/3/2015 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE di CATANZARO, depositata il 28/10/2015;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 16/02/2017 dal Consigliere Dott. ENRICO MANZON.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Atteso che nelle more della trattazione camerale del ricorso la società contribuente ha depositato memoria con la quale in via prelminare si chiede che venga pronunciata d’ufficio l’inammissibilità dell’appello e conseguentemente del ricorso per cassazione proposti dall’Agenzia delle entrate, poichè la medesima, quale appellante, non ha prodotto nè al momento della costituzione nè successivamente la ricevuta di spedizione della raccomandata con la quale l’appello stesso è stato notificato, peraltro rappresentando che tale questione è attualmente allo scrutinio delle SU di questa Corte all’udienza del 21 marzo 2017, R.G. n. 26585/2014;

ritenuta l’opportunità evidente di attendere che tale decisione venga emessa e rilevata peraltro la necessità ai fini della decisione in fatto del profilo procedurale evocato dalla società contribuente di disporre l’acquisizione dei fascicoli dei gradi di merito.

PQM

La Corte rinvia la causa a nuovo ruolo e dispone l’acquisizione dei fascicoli di merito.

Così deciso in Roma, il 16 febbraio 2017.

Depositato in Cancelleria il 3 maggio 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA