Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 1075 del 17/01/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 6 Num. 1075 Anno 2018
Presidente: CRISTIANO MAGDA
Relatore: VALITUTTI ANTONIO

ORDINANZA PER CORREZIONE DI ERRORE MATERIALE
sul ricorso 18464-2017 proposto da:
MICHELE FIORE, nella qualità di procuratore e difensore di EQUITALIA
SERVIZI DI RISCOSSIONE S.P.A.(già Equitalia Sud s.p.a. ed ora
Agenzia delle entrate – riscossione), elettivamente domiciliato in
ROMA, VIA BANCO DI S. SPIRITO n.42, presso lo studio GNOSIS
FORENSE SRL;
– ricorrente contro
FALLIMENTO SOCIETA’ T.L.E.M. S.A.S. DI ERRICHIELLO RAFFAELE &
C.;
– intimato –

Data pubblicazione: 17/01/2018

avverso l’ordinanza n. 16603/2017 della CORTE SUPREMA DI
CASSAZIONE, depositata il 05/07/2017;
udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non
partecipata del 21/11/2017 dal Consigliere Dott. ANTONIO
VALITUTTI.

Equitalia Servizi di Riscossione s.p.a. ha proposto istanza di
correzione dell’errore materiale nel quale è incorsa questa Corte
nell’ordinanza n. 16603/2017, depositata il 5 luglio 2017, avendo
erroneamente indicato quale giudice che ha emesso il provvedimento
impugnato la Corte d’appello di Napoli, anziché il Tribunale di Napoli;
Considerato che:
l’erronea indicazione del giudice di rinvio ad opera della Corte di
cassazione, non potendo essere emendata dal giudice erroneamente
indicato, né dare luogo a rinvio d’ufficio alla Corte stessa, può essere
da quest’ultima corretta su istanza della parte interessata, se dai
presupposti argomentativi del provvedimento da correggere discenda
univocamente l’esatta identificazione del giudice di rinvio (Cass.,
20/03/2014, n. 6603);
Ritenuto che:
per le ragioni esposte, l’istanza – constatato che trattasi di mera
svista dell’estensore, atteso che dall’incipit dell’ordinanza si evince
con chiarezza che si trattava di decreto di ammissione al passivo reso
dal Tribunale di Napoli, a conferma di quello emesso dal giudice
delegato – debba essere accolta.
P.Q.M.
Accoglie l’istanza di correzione dell’errore materiale dell’ordinanza di
questa Corte n. 16603/2017, depositata il 5 luglio 2017, disponendo
che tale ordinanza sia corretta come segue: 1) a pagina 2, rigo 16,
2

Rilevato che:

laddove è scritto «la Corte territoriale ha confermato» debba leggersi
ed intendersi «il Tribunale ha confermato»; 2) a pagina 3, da rigo 5 a
rigo 6, laddove è scritto «con rinvio alla Corte d’appello di Napoli in
diversa composizione» debba leggersi ed intendersi «con rinvio al
Tribunale di Napoli in diversa composizione»; 3) a pagina 3, da rigo

diversa composizione» debba leggersi ed intendersi «rinvia al
Tribunale di Napoli in diversa composizione».
Così deciso in Roma il 21 novembre 2017.

16 a rigo 17, laddove è scritto «rinvia alla Corte d’appello di Napoli in

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA