Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 10740 del 03/05/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 03/05/2017, (ud. 24/02/2017, dep.03/05/2017),  n. 10740

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI VIRGILIO Rosa Maria – Presidente –

Dott. CRISTIANO Magda – rel. Consigliere –

Dott. GENOVESE Francesco Antonio – Consigliere –

Dott. DE CHIARA Carlo – Consigliere –

Dott. DI MARZIO Fabrizio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 24547-2014 proposto da:

EQUITALIA CENTRO S.P.A., – C.F. e P.I. (OMISSIS), in persona del

Direttore Regionale di Equitalia Centro S.p.a., elettivamente

domiciliata in ROMA PIAZZA CAVOUR presso la CORTE DI CASSAZIONE,

rappresentata e difesa dall’avvocato GIAN FRANCO PUPPOLA, giusta

procura a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

FALLIMENTO di (OMISSIS) S.P.A. in LIQUIDAZIONE, in persona del

Curatore, elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA GIOVINE ITALIA,

7, presso lo studio dell’avvocato RICCARDO CARNEVALI, rappresentato

e difeso dall’avvocato EDOARDO TORLINI, giusta procura a margine del

controricorso;

– controricorrente –

avverso il decreto del TRIBUNALE di SPOLETO, depositato l’11/09/2014;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 24/02/2017 dal Consigliere D.ssa. MAGDA CRISTIANO.

Fatto

FATTO E DIRITTO

1) Il Tribunale di Spoleto, con decreto del 30.9.014, ha respinto l’opposizione ex art. 98 L. Fall. proposta da Equitalia Centro s.p.a. avverso il decreto del giudice delegato che aveva dichiarato inammissibile, ai sensi dell’art. 101, u.c. L. Fall., la sua domanda di ammissione allo stato passivo del Fallimento di (OMISSIS) s.p.a. in liquidazione, depositata l’11.3.2013.

Il giudice del merito ha ritenuto che Equitalia non avesse fornito prova dell’inimputabilità del ritardo, che, ai sensi della citata disposizione, l’avrebbe legittimata alla presentazione della domanda tardiva anche dopo il 24.11.010 (data di scadenza del termine di cui al comma 1 del medesimo articolo), atteso che i crediti insinuati scaturivano da un’indagine penale della G.d.F. che, benchè conclusasi solo 28.3.012, era iniziata il 4.10.010.

Equitalia Centro ha chiesto la cassazione del provvedimento, con ricorso affidato a quattro motivi, cui il Fallimento di (OMISSIS) s.p.a. ha resistito con controricorso.

Il consigliere relatore ha depositato proposta di definizione ex art. 380 bis c.p.c., tempestivamente notificata alle parti unitamente al decreto di fissazione dell’udienza camerate.

2) Con il primo motivo la ricorrente denuncia l’omesso esame di un fatto decisivo, in quanto l’indagine tributaria non era iniziata contestualmente all’apertura del procedimento penale, ma in data successiva, e solo il 29.3.012 il P.M. aveva autorizzato la G.d.F. ad utilizzare le risultanze di tale indagine anche a fini fiscali.

2.1) Col secondo deduce la violazione del D.P.R. n. 602 del 1973, art. 87, avendo il tribunale affermato che la domanda avrebbe potuto essere presentata, con riserva, anche prima dell’iscrizione a ruolo dei tributi. 2.3) Con il terzo lamenta la nullità del provvedimento impugnato, in quanto fondato su una motivazione apodittica.

2.4) Con il quarto sostiene di aver fornito la prova dell’inimputabilità del ritardo.

3) Il terzo motivo, che ha carattere assorbente, è manifestamente fondato.

Il tribunale si è infatti limitato ad osservare che l’indagine penale aveva avuto inizio il 4 ottobre del 2010, ma non ha chiarito in alcun modo perchè l’Amministrazione Finanziaria avrebbe avuto la possibilità di insinuare il proprio credito al passivo sin dalla predetta data.

Ciò che rilevava nel caso di specie era infatti la diversa data in cui gli illeciti fiscali erano stati accertati dall’Amministrazione (ovvero portati a sua conoscenza), atteso che solo a partire da essa avrebbe potuto essere verificata la tempestività dell’ente impositore nel provvedere agli adempimenti necessari alla riscossione dei crediti tributari da detti illeciti nascenti.

Se è infatti corretto sostenere che il ritardo dell’ente impositore nell’iscrivere a ruolo i crediti non costituisce ragione di inimputabilità del ritardo nella presentazione della domanda ex art. 101 u.c. dell’Agente alla Riscossione, è pur sempre necessario stabilire se il primo ritardo effettivamente sussista: ciò che nella specie il giudice del merito ha totalmente omesso di valutare, affermando (in palese contrasto con il disposto dell’art. 101, u.c. L. Fall.) “che i tempi dell’accertamento non possono comportare deroghe ai termini della legislazione fallimentare, anche in considerazione della possibilità per il creditore di presentare domande incomplete o con riserva, e tenendo conto del fatto che l’indagine della G.d.F. era iniziata quando il termine di cui all’art. 101, comma 1 L. Fall. non era ancora scaduto” e così mostrando erroneamente di ritenere che l’inizio di qualsivoglia indagine da parte della G.d.F. (anzichè il suo esito) consenta all’Amministrazione di ritenere sussistente l’illecito fiscale, ed, in conseguenza, un credito tributario ad esso relativo, per di più determinato nell’ammontare.

Si è, in sostanza, in presenza di una motivazione meramente apparente, che non illustra le ragioni di imputabilità del ritardo, riconducibile all’ipotesi di cui all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 4.

Ciò è sufficiente al rigetto dell’eccezione di inammissibilità del ricorso svolta dal Fallimento ai sensi dell’art. 348 ter c.p.c., comma 4.

Il decreto impugnato deve pertanto essere cassato, con rinvio della causa, per un nuovo esame, al Tribunale di Spoleto in diversa composizione, che liquiderà anche le spese di questo giudizio di legittimità.

PQM

La Corte accoglie il terzo motivo del ricorso, assorbiti gli altri motivi; cassa il decreto impugnato in relazione al motivo accolto e rinvia al Tribunale di Spoleto in diversa composizione, anche per le spese del giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, il 24 febbraio 2017.

Depositato in Cancelleria il 3 maggio 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA