Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 10716 del 05/06/2020

Cassazione civile sez. trib., 05/06/2020, (ud. 22/01/2020, dep. 05/06/2020), n.10716

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. STALLA Giacomo Maria – Presidente –

Dott. PAOLITTO Liberato – Consigliere –

Dott. MONDINI Antonio – rel. Consigliere –

Dott. DELL’ORFANO Antonella – Consigliere –

Dott. PEPE Stefano – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 5342-2015 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

C.G., Z.P. elettivamente domiciliati in ROMA, VIA

GIOVANNI BATTISTA DE ROSSI 10, presso lo studio dell’avvocato

INNOCENTI FRANCESCO, rappresentati e difesi dall’avvocato AMATUCCI

MARCO;

– controricorrenti –

avverso la sentenza n. 1881/2014 della COMM. TRIB. REG. di FIRENZE,

depositata il 30/09/2014;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

22/01/2020 dal Consigliere Dott. MONDINI ANTONIO.

Fatto

PREMESSO

Che:

1. l’Agenzia delle Entrate ricorre per la cassazione della sentenza della commissione tributaria regionale della Toscana in data 30 settembre 2014, n. 1881, con la quale è stato dichiarato illegittimo l’avviso di liquidazione emesso da essa Agenzia nei confronti di Z.P. e C.G., in revoca delle agevolazioni riconosciute dal D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, Tabella A, parte II, n. 21, allegata per l’acquisto della “prima casa” non di lusso, sull’assunto per cui, contrariamente a quanto sostenuto da essa ricorrente, l’immobile compravenduto era da ritenersi appunto non di lusso, considerato che lo stesso, al netto dei locali del piano interrato e del sottotetto, i quali dovevano essere esclusi dal computo della superficie “utile” agli effetti del D.M. lavori pubblici 2 agosto 1969, n. 1072, art. 6, in quanto di altezza insufficiente per essere abitabili secondo la vigente normativa statale e locale, era di dimensioni inferiori alla soglia dei 240 metri quadrati (solo superata la quale avrebbe potuto essere qualificato come di lusso ai sensi del predetto art. 6);

2. i contribuenti hanno depositato controricorso, illustrato con memoria.

Diritto

CONSIDERATO

Che:

1. con il primo motivo di ricorso, l’Agenzia lamenta violazione dell’art. 112 c.p.c. e art. 2900 c.c. per avere la commissione regionale affermato che i locali del seminterrato non avevano l’altezza minima richiesta dal regolamento comunale per essere abitabili laddove i giudici di primo grado, con pronuncia non impugnata dai contribuenti e quindi definitiva, avevano invece dichiarato che detti locali avevano caratteristiche ed impianti tecnologici tali da consentirne la “utilizzabilità e la parziale abitabilità diurna”;

2. con il secondo motivo di ricorso, l’Agenzia lamenta violazione del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, Tabella A, parte II, n. 21, allegata, del D.P.R. 26 aprile 1986, n. 131, Tariffa, art. 1, parte 1, nota 2, allegata e del D.M. 2 agosto 1969, artt. 6 e 10, deducendo che la commissione si è basata sull’errata tesi per cui la situazione di abitabilità – rectius “agibilità” (D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380)- rileva ai sensi e per gli effetti del D.M., art. 6 e quindi delle disposizioni agevolative;

3. il secondo motivo di ricorso è fondato e assorbente rispetto al primo. Ai sensi del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, Tabella A, parte II, allegata, n. 21, sono soggetti all’aliquota del 4% (in luogo della tariffa ordinaria del 20%) gli acquisti di “case di abitazione non di lusso secondo i criteri di cui al decreto del Ministro dei lavori pubblici 2 agosto 1969, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 218 del 27 agosto 1969, ancorchè non ultimate, purchè permanga l’originaria destinazione, in presenza delle condizioni di cui alla nota II-bis all’art. 1 della tariffa, parte prima, allegata al testo unico delle disposizioni concernenti l’imposta di registro, approvato con D.P.R. 26 aprile 1986, n. 131.” Il D.M. 2 agosto 1969, art. 6, stabilisce che sono considerate di lusso le “singole unità immobiliari aventi superficie utile complessiva superiore a mq. 240 (esclusi i balconi, le terrazze, le cantine, le soffitte, le scale e posto macchine)”. L’agibilità presuppone la sussistenza delle condizioni di sicurezza, igiene, salubrità, risparmio energetico degli edifici e degli impianti negli stessi installati, valutate secondo quanto dispone la normativa vigente, nonchè la conformità dell’opera al progetto presentato (D.P.R. n. 380 del 2001, art. 24). La Corte ha in più occasioni precisato che, al fine di stabilire se una abitazione sia di lusso e quindi sia esclusa dall’agevolazione per l’acquisto della “prima casa” non si applicano le normative edilizie o igienico-sanitarie (Cass. 12942/2013; 23591 del 2012; n. 10807 del 2012, n. 22279 del 2011; 25674/2013), in quanto gli unici locali da escludersi sono quelli espressamente indicati nella normativa di cui al D.M. 2 agosto 1969 (Cass. 861/2014; Cass. 24469/2015; 2016/11556). La Corte ha ancora evidenziato che, al fine suddetto e per escludere l’acquisto dell’abitazione dal beneficio di cui al D.P.R. n. 131 del 1986, Tariffa, parte I, art. 1, comma 3, allegata, occorre fare riferimento alla nozione di “superficie utile complessiva” di cui al D.M. Lavori Pubblici 2 agosto 1969, art. 6, in forza della quale è irrilevante il requisito dell'”abitabilità” dell’immobile, siccome da esso non richiamato, mentre quello delrutilizzabilità” degli ambienti, a prescindere dalla loro effettiva abitabilità, costituisce parametro idoneo ad esprimere il carattere “lussuoso” di una abitazione (v., tra molte, Cass. 29643/2019; Cass. 8409/2019; Cass.10191/2016; Cass. 25674/2013). La sentenza impugnata è fondata su una tesi interpretativa opposta a quella espressa da questa Corte e non corretta;

4. in ragione di quanto precede, il ricorso deve essere accolto e la sentenza impugnata deve essere cassata;

5. la causa deve essere rimessa alla commissione tributaria regionale della Toscana, in diversa composizione, perchè la stessa accerti -in applicazione dei principi di cui al precedente numero 3 – se l’immobile in questione abbia una superficie in concreto utilizzabile superiore o inferiore a mq 240 e sia quindi qualificabile o non come di lusso;

6.il giudice del rinvio dovrà decidere delle spese dell’intero processo.

P.Q.M.

la Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia, anche per le spese, alla commissione tributaria regionale della Toscana, in diversa composizione.

Così deciso in Roma, il 22 gennaio 2020.

Depositato in Cancelleria il 5 giugno 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA