Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 1071 del 21/01/2010

Cassazione civile sez. I, 21/01/2010, (ud. 19/10/2009, dep. 21/01/2010), n.1071

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ADAMO Mario – Presidente –

Dott. SCHIRO’ Stefano – Consigliere –

Dott. FITTIPALDI Onofrio – Consigliere –

Dott. DIDONE Antonio – rel. Consigliere –

Dott. GIUSTI Alberto – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

Z.J., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DELLA FONTE DI

FAUNO 26, presso lo studio dell’avvocato PULIAFITO ANNA, (difensore

d’ufficio) che lo rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

PREFETTURA – UFFICIO TERRITORIALE DEL GOVERNO DI TERAMO, in persona

del Prefetto pro tempore, MINISTERO DELL’INTERNO, in persona del

Ministro pro tempore, elettivamente domiciliati in ROMA, VIA DEI

PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che li

rappresenta e difende, ope legis;

– controricorrenti –

avverso il provvedimento n. R.G. 1300/08 del TRIBUNALE di ROMA emesso

il 28/01/08;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

19/10/2009 dal Consigliere e Relatore Dott. DIDONE Antonio;

e’ presente il P.G. in persona del Dott. Patrone Ignazio.

Fatto

RILEVA IN FATTO

Il Tribunale di Roma, con decreto emesso il 28 gennaio 2008, ha convalidato il provvedimento di accompagnamento alla frontiera emesso dal Questore ai sensi del D.Lgs. 25 luglio 1998, n. 286, art. 14 nei confronti del cittadino straniero Z.J..

Quest’ultimo, con atto notificato il 15 febbraio 2008, ha proposto ricorso per Cassazione, sulla base di tre motivi. Ha resistito, con controricorso, l’intimata Prefettura di Teramo.

Diritto

OSSERVA IN DIRITTO

Il ricorso appare inammissibile. Il ricorso e’ privo di procura speciale.

Inoltre i tre quesiti di diritto con i quali si concludono i motivi di ricorso appaiono inidonei. Essi, infatti, demandano a questa Corte l’accertamento se vi e’ stata violazione: (a) dell’art. 14 del testo unico, sotto il profilo del termine per procedere a convalida; (b) dell’art. 13, comma 7, del testo unico (in riferimento anche al D.P.R. 31 agosto 1999, n. 394, art. 3, comma 3 e all’art. 24 Cost.);

e, ancora, (e) dell’art. 32 Cost. e degli artt. 2 e 35 del testo unico (in relazione all’omessa indagine di problematiche gravi inerenti allo stato di salute ostative alla espulsione).

Ma nessuno dei tre quesiti indica in che cosa consista la regula iuris applicata erroneamente dal giudice a quo e quale sarebbe il diverso principio di diritto che si vorrebbe vedere enunciato dalla Corte di cassazione in relazione alla fattispecie.

Sussistono i presupposti di legge per la trattazione del ricorso in Camera di consiglio.

3 . – Il Collegio reputa di dovere fare proprie le conclusioni contenute nella relazione, condividendo le argomentazioni che le fondano e che conducono alla declaratoria di inammissibilita’ del ricorso.

P.Q.M.

LA CORTE Dichiara inammissibile il ricorso.

Cosi’ deciso in Roma, il 19 ottobre 2009.

Depositato in Cancelleria il 21 gennaio 2010

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA