Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 10705 del 13/05/2011

Cassazione civile sez. trib., 13/05/2011, (ud. 23/03/2011, dep. 13/05/2011), n.10705

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CAPPABIANCA Aurelio – Presidente –

Dott. D’ALESSANDRO Paolo – Consigliere –

Dott. IACOBELLIS Marcello – rel. Consigliere –

Dott. DI BLASI Antonino – Consigliere –

Dott. VIRGILIO Biagio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

Agenzia del Territorio, in persona del legale rapp.te pro tempore,

domiciliata in Roma, Via dei Portoghesi n. 12, presso l’Avvocatura

Generale dello Stato che lo rappresenta e difende per legge;

– ricorrente –

contro

Prefer La Metalmeccanica del Fibreno s.n.c. in persona del legale

rapp.te pro tempore;

– intimata –

per la cassazione della sentenza della Commissione Tributaria

Regionale del Molise n. 28/2008/2 depositata il 7/5/2008;

Udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

giorno 23/2/2011 dal Consigliere Relatore Dott. Marcello Iacobellis;

viste le richieste del P.M., in persona del Sostituto Procuratore

Generale, Dott. SORRENTINO Federico.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

La controversia promossa da Prefer La Metalmeccanica del Fibreno s.n.c. contro l’Agenzia delle Entrate è stata definita con la decisione in epigrafe, recante il rigetto dell’appello proposto dall’Agenzia contro la sentenza della CTP di Isernia n. 45/3/2005 che aveva accolto il ricorso della contribuente avverso l’avviso di liquidazione di imposta ipotecaria (OMISSIS), per l’annullamento dell’agevolazione a suo tempo concessa. La CTR riteneva sufficiente, ai fini del riconoscimento del beneficio, “un rapporto di inerenza rispetto all’operazione di finanziamento a medio e lungo termine e alle sue garanzie”.

Il ricorso proposto si articola in unico motivo. Nessuna attività difensiva è stata svolta dall’intimata. Il relatore ha depositato relazione ex art. 380 bis c.p.c.. Il presidente ha fissato l’udienza del 23/3/2011 per l’adunanza della Corte in Camera di consiglio. Il P.G. ha concluso aderendo alla relazione.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Assume la ricorrente la violazione e falsa applicazione del D.P.R. n. 601 del 1973, art. 15, in relazione all’art. 360 c.p.c., n. 3. La CTR avrebbe erroneamente affermato l’applicabilità dei benefici in parola trattandosi di atto ricognitorio di debito già sorto con contestuale concessione di garanzia ipotecaria e regolamentazione di restituzione dilazionata.

La censura è fondata alla luce del principio affermato da questa Corte secondo cui (Sez. 5^, Sentenza n. 5270 del 05/03/2009) in tema di agevolazioni tributarie per il settore dei credito, le operazioni di finanziamento alle quali il D.P.R. 29 settembre 1973, n. 601, art. 15, accorda un trattamento fiscale di favore, vanno individuate – in base alla “ratio legis” ed al principio secondo cui le norme agevolative sono di stretta interpretazione – in quelle che si traducono in investimenti produttivi, che possano creare nuova ricchezza, sulla quale potrà più adeguatamente applicarsi il prelievo fiscale. Ne consegue che quando il credito è già erogato ed oggetto del regolamento negoziale è il termine della sua restituzione, non ricorre lo scopo per cui il legislatore accorda l’agevolazione e il negozio esula dall’ambito applicativo della disciplina in esame.

Consegue da quanto sopra la cassazione della sentenza impugnata. Non essendo necessari ulteriori accertamenti di fatto, ai sensi dell’art. 384 c.p.c., decidendo nel merito, va rigettato il ricorso proposto dalla da Prefer La Metalmeccanica del Fibreno s.n.c. avverso l’avviso di liquidazione di imposta ipotecaria (OMISSIS).

La natura della controversia e le circostanze che caratterizzano la vicenda giustificano la compensazione delle spese tra le parti delle spese dell’intero giudizio.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e decidendo nel merito, va rigettato il ricorso proposto dalla da Prefer La Metalmeccanica del Fibreno s.n.c. avverso l’avviso di liquidazione di imposta ipotecaria (OMISSIS). Compensa tra le parti delle spese dell’intero giudizio.

Così deciso in Roma, il 23 marzo 2011.

Depositato in Cancelleria il 13 maggio 2011

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA