Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 10688 del 04/05/2010

Cassazione civile sez. trib., 04/05/2010, (ud. 15/04/2010, dep. 04/05/2010), n.10688

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LUPI Fernando – Presidente –

Dott. D’ALESSANDRO Paolo – rel. Consigliere –

Dott. DI IASI Camilla – Consigliere –

Dott. IACOBELLIS Marcello – Consigliere –

Dott. DI BLASI Antonino – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso proposto da:

CIS s.r.l., in persona del legale rappresentante, elettivamente

domiciliata in Roma, via XXIV Maggio 43, presso l’avv. Grande Corrado

(Studio Chiomenti), che la rappresenta e difende giusta delega in

atti;

– ricorrente –

contro

Agenzia delle Entrate e Ministero dell’Economia e delle finanze;

– intimati –

avverso la sentenza della Commissione tributaria regionale della

Sicilia n. 85/2/07 del 15/11/07;

udito l’avv. Corrado Grande.

 

Fatto

FATTO E DIRITTO

Considerato che il Consigliere relatore, nominato ai sensi dell’art. 377 c.p.c., ha depositato la relazione scritta prevista dall’art. 380- bis c.p.c., nei termini che di seguito si trascrivono:

“La CIS s.r.l. propone ricorso per cassazione contro una sentenza della Commissione tributaria regionale della Sicilia.

L’Agenzia delle Entrate non si è costituita.

Il ricorso contiene due motivi.

Può essere trattato in camera di consiglio e dichiarato improcedibile, non risultando depositata la sentenza impugnata”;

che la società ricorrente ha presentato una memoria;

che la sentenza impugnata è in effetti risultata, a seguito di ricerche di cancelleria, depositata nei termini;

che pertanto la causa va rinviata a nuovo ruolo, per la eventuale redazione di una nuova relazione.

P.Q.M.

la Corte rinvia la causa a nuovo ruolo per la redazione di una nuova relazione.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio della Sezione tributaria, il 15 aprile 2010.

Depositato in Cancelleria il 4 maggio 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA