Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 1068 del 18/01/2011

Cassazione civile sez. VI, 18/01/2011, (ud. 10/12/2010, dep. 18/01/2011), n.1068

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SETTIMJ Giovanni – Presidente –

Dott. PETITTI Stefano – Consigliere –

Dott. PARZIALE Ippolisto – Consigliere –

Dott. D’ASCOLA Pasquale – Consigliere –

Dott. GIUSTI Alberto – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso proposto da:

A.F. e AC.Lu., rappresentati e difesi, in forza di

procura speciale a margine del ricorso, dagli Avv. Sanna Rita e

Franco Santini, elettivamente domiciliati nello studio di

quest’ultimo in Roma, via Vittore Ghigliani,n. 248;

– ricorrenti –

contro

S.A., S.P., S.M., S.L.,

rappresentati e difesi, in forza di procura speciale a margine del

controricorso, dall’Avv. Marchese Marco, elettivamente domiciliati

presso lo studio dell’Avv. Stefano Cecere in Roma, via Vallisneri, n.

11;

– controricorrenti –

e nei confronti di:

S.G., D.M.G., F.A. e S.

M.;

– intimati –

per la cassazione della sentenza della Corte d’appello di Cagliari n.

353 del 18 novembre 2009.

Udita, la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

10 dicembre 2010 dal Consigliere relatore Dott. Alberto Giusti.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Ritenuto che La Corte di Cagliari, con sentenza n. 353 in data 18 novembre 2009, ha accolto l’appello proposto da S.A., S.P., S.M. e S.L. nei confronti di A.F. e Ac.Lu. e, in riforma della impugnata pronuncia del Tribunale di Oristano, ha dichiarato S.P. esclusivo proprietario del fondo in regione (OMISSIS), in catasto al f. 71, mapp. 57, pervenutogli per successione testamentaria da S.F.M., ed ha condannato A.F. e Ac.Lu. al rilascio di tale terreno in suo favore;

che per la cassazione della sentenza della Corte d’appello A. F. e Ac.Lu. hanno proposto ricorso, sulla base di due motivi;

che S.A., S.P., S.M. e S. L. hanno resistito con controricorso;

che il ricorso è stato avviato alla trattazione in camera di consiglio, sulla base della proposta di definizione depositata dal consigliere designato in data 10 novembre 2010, ai sensi dell’art. 380-bis cod. proc. civ..

Considerato che il decreto e la relazione sono stati comunicati alla parte ricorrente soltanto il 30 novembre 2010, senza il rispetto del termine di venti giorni prima della data stabilita per l’adunanza, fissato dall’art. 380-bis cod. proc. civ.;

che, pertanto, la causa deve essere rinviata a nuovo ruolo.

P.Q.M.

La Corte rinvia la causa a nuovo ruolo.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Sesta Civile della Corte Suprema di Cassazione, il 10 dicembre 2010.

Depositato in Cancelleria il 18 gennaio 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA