Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 10674 del 03/05/2017

Cassazione civile, sez. VI, 03/05/2017, (ud. 09/03/2017, dep.03/05/2017),  n. 10674

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. AMENDOLA Adelaide – Presidente –

Dott. FRASCA Raffaele – Consigliere –

Dott. SESTINI Danilo – rel. Consigliere –

Dott. RUBINO Lina – Consigliere –

Dott. TATANGELO Augusto – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 10364/2016 proposto da:

P.I., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR,

presso la CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE, rappresentato e difeso dagli

Avvocati GIUSEPPE CAPOGRECO, FRANCESCO RENATO VITO PROCOPIO;

– ricorrente –

contro

ENI SPA DIVISIONE GAS & POWER, in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

STEFANO LONGANESI 9, presso lo studio dell’avvocato CARMELO RUSSO,

rappresentata e difesa dall’avvocato SANTO GURZILLO;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 691/2015 del TRIBUNALE di VIBO VALENTIA,

depositata il 14/10/2015;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata del 09/03/2017 dal Consigliere Dott. DANILO SESTINI.

Fatto

RILEVATO IN FATTO

che:

nell’ambito della controversia promossa dal P. nei confronti dell’Italgas Più s.p.a. (successivamente incorporata da Eni s.p.a. Divisione Gas & Power), il Tribunale di Vibo Valentia ha riformato la sentenza di primo grado e ha rigettato la domanda di ripetizione di indebito per importi che l’attore avrebbe pagato in eccedenza rispetto ai consumi effettivi;

il P. ha proposto ricorso per cassazione affidato a due motivi, cui ha resistito l’intimata.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che:

il primo motivo è inammissibile, in quanto prospetta un vizio motivazionale in termini di “omessa, insufficiente contraddittoria motivazione” in relazione ad una sentenza cui si applica il nuovo testo dell’art. 360 c.pc.., n. 5;

il secondo motivo (che deduce “violazione ed errata applicazione delle norme di diritto”) è inammissibile per difetto di specificità, in quanto non indica le norme violate e non individua gli errores iuris da cui sarebbe affetta la sentenza; per di più, il motivo non coglie la ratio decidendi, che è basata sulla totale mancanza di allegazioni volte a suffragare l’ipotesi della eccessività dei consumi contabilizzati;

il ricorso va pertanto dichiarato inammissibile, con condanna del ricorrente alle spese di lite;

trattandosi di ricorso proposto successivamente al 30.1.2013, sussistono le condizioni per l’applicazione del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater.

PQM

la Corte dichiara l’inammissibilità del ricorso e condanna il ricorrente a rifondere alla controricorrente le spese di lite, liquidate in Euro 1.400,00 per compensi, oltre alle spese forfettarie nella misura del 15 per cento, agli esborsi liquidati in Euro 200,00 e agli accessori di legge.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1-quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis.

Motivazione semplificata.

Così deciso in Roma, il 9 marzo 2017.

Depositato in Cancelleria il 3 maggio 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA