Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 10644 del 03/05/2010

Cassazione civile sez. I, 03/05/2010, (ud. 11/03/2010, dep. 03/05/2010), n.10644

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VITRONE Ugo – Presidente –

Dott. CECCHERINI Aldo – rel. Consigliere –

Dott. RAGONESI Vittorio – Consigliere –

Dott. CULTRERA Maria Rosaria – Consigliere –

Dott. GIANCOLA Maria Cristina – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

CONSORZIO DI BONIFICA SUD – BACINO MORO SANGRO SINELLO & TRIGNO

in

persona del Commissario Regionale pro tempore, elettivamente

domiciliato in ROMA, VIA DELLE MILIZIE 106, presso l’avvocato

BELLANTONI DOMENICO, rappresentato e difeso dall’avvocato TENAGLIA

PIERLUIGI giusta procura a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

F.R.;

– intimato-

e sul ricorso n. 27224/2004 proposto da:

F.R. (c.f. (OMISSIS)), elettivamente

domiciliato in ROMA, VIA FEDERICO CONFALONIERI 5, presso l’avvocato

MANZI LUIGI, che lo rappresenta e difende giusta procura a margine

del controricorso e ricorso incidentale;

– controricorrente e ricorrente incidentale –

contro

CONORZIO BONIFICA SUD BACINO MORO SANGRO SINELLO TRIGNO;

– intimato –

avverso la sentenza n. 97/2004 della CORTE D’APPELLO di L’AQUILA,

depositata il 13/02/2004;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

11/03/2010 dal Consigliere Dott. CECCHERINI Aldo;

udito per il ricorrente l’Avvocato TENAGLIA;

udito per il controricorrente e ricorrente incidentale l’Avvocato

ALBINI, con delega, che hanno confermato entrambi di rinunciare al

giudizio;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

RUSSO Rosario Giovanni che ha concluso.

 

Fatto

PREMESSO IN FATTO E DIRITTO

che:

– il Consorzio di Bonifica Sud – Bacino Moro, Sangro, Sinello e Trigno, rappresentato dall’avvocato Pierluigi Maria Tenaglia in forza di procura speciale appositamente rilasciata per atto pubblico, ricorrente principale, e l’ingegner F.R., ricorrente incidentale, hanno depositato in cancelleria una dichiarazione congiunta, con la quale ciascuna delle parti rinuncia al proprio ricorso e dichiara di accettare la rinuncia dell’altra;

in forza di tale dichiarazione il processo deve essere dichiarato estinto, e, stante l’accettazione di ciascuna delle parti alla rinuncia dell’altra, non v’e’ luogo a pronuncia sulle spese.

PQM

Dichiara estinto il ricorso.

Cosi’ deciso a Roma, nella Camera di consiglio della sezione prima della Corte suprema di cassazione, il 10 marzo 2010.

Depositato in Cancelleria il 3 maggio 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA