Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 1063 del 14/01/2022

Cassazione civile sez. II, 14/01/2022, (ud. 03/11/2021, dep. 14/01/2022), n.1063

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GORJAN Sergio – Presidente –

Dott. BERTUZZI Mario – Consigliere –

Dott. GRASSO Giuseppe – Consigliere –

Dott. CASADONTE Annamaria – rel. Consigliere –

Dott. DONGIACOMO Giuseppe – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 13282/2017 proposto da:

COMUNE DI NAPOLI, elettivamente domiciliato in Roma, Via Francesco

Denza 50-A, presso lo studio dell’avvocato Nicola Laurenti,

rappresentato e difeso dagli avvocati Alfredo Avella, Fabio Maria

Ferrari;

– ricorrente –

contro

G.M., elettivamente domiciliato in Roma, Viale

Mazzini 4, presso lo studio dell’avvocato Aldo Pinto, rappresentato

e difeso dall’avvocato Luca Saltalamacchia;

– controricorrente –

avverso la sentenza del Tribunale di Napoli, depositata il

30/03/2017;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

03/11/2021 dalla relatrice Dott. Annamaria Casadonte.

 

Fatto

RILEVATO

che:

– il Comune di Napoli impugna l’ordinanza emessa dal Tribunale a seguito di domanda di liquidazione e condanna al pagamento dei compensi professionali proposta dall’avvocato G.M. nei confronti dell’Ente;

– assumeva il legale di avere svolto ventinove giudizi civili a tutela del patrimonio del Comune in forza di contratto del 16 dicembre 1998 su incarico della R. Gestioni s.p.a., appaltatrice del servizio pubblico di inventariazione e gestione del patrimonio comunale;

– si costituiva il Comune che svolgeva eccezioni preliminari e di merito;

– all’esito del procedimento, svoltosi secondo la disciplina del rito sommario speciale di cui al D.Lgs. n. 150 del 2011, art. 14, il Comune è stato condannato al pagamento di Euro 77.852,98, oltre interessi e spese di lite;

– la cassazione dell’ordinanza di condanna è chiesta dal Comune con ricorso affidato ad un motivo, cui resiste con controricorso l’avv.to G..

Diritto

CONSIDERATO

che:

– con atto del 8 ottobre 2021 il Comune a mezzo del difensore munito di procura speciale ha dichiarato, ai sensi dell’art. 390 c.p.c., di voler rinunciare al ricorso per cassazione;

– nel giudizio di cassazione, diversamente da quanto previsto dall’art. 306 c.p.c., la rinuncia al ricorso è produttiva di effetti a prescindere dalla accettazione delle altre parti, che non è richiesta dall’art. 390 c.p.c..

– trattandosi di atto unilaterale recettizio, essa produce l’estinzione del processo, senza che occorra l’accettazione, perché determina il passaggio in giudicato della sentenza impugnata e comporta il conseguente venir meno dell’interesse a contrastare l’impugnazione (Cass. Sez. Un. 1923/1990; Cass. n. 4446/1986; Cass. n. 23840/2008);

– gli adempimenti previsti dall’art. 390 c.p.c. – la notifica o la comunicazione agli avvocati delle controparti – sono finalizzati soltanto ad ottenere l’adesione, al fine di evitare la condanna alle spese del rinunziante ex art. 391 c.p.c. (cfr. Cass. n. 2317/2016).

– ai sensi dell’art. 391 c.p.c., comma 4, infatti, la condanna non è pronunciata, se alla rinuncia hanno aderito le altri parti perso o i loro avvocati autorizzati con mandato speciale;

– nella specie, l’atto di rinuncia è stato sottoscritto dal difensore della controparte, munito del relativo potere;

– il giudizio di cassazione va, pertanto, dichiarato estinto, senza alcune statuizione sulle spese.

– si dà atto che non opera, per il caso di rinuncia del ricorso per cassazione, il raddoppio del contributo unificato di cui al D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater.

PQM

La Corte dichiara estinto il giudizio compensa le spese del presente giudizio.

Dato atto della non sussistenza dei presupposti per il versamento da parte del ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Seconda Civile, il 3 novembre 2021.

Depositato in Cancelleria il 14 gennaio 2022

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA