Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 10479 del 30/04/2010

Cassazione civile sez. trib., 30/04/2010, (ud. 14/01/2010, dep. 30/04/2010), n.10479

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LUPI Fernando – Presidente –

Dott. IACOBELLIS Marcello – Consigliere –

Dott. DI BLASI Antonino – Consigliere –

Dott. VIRGILIO Biagio – Consigliere –

Dott. GRECO Antonio – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

U.P.F., elettivamente domiciliato in Roma in via

Crescenzio n. 91 presso l’avv. Lucisano Claudio che lo rappresenta e

difende;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del legale rappresentante pro

tempore, rappresentata e difesa dall’Avvocatura generale dello Stato,

presso la quale e’ domiciliata in Roma in via dei Portoghesi n. 12;

– controricorrente –

avverso la sentenza della Commissione tributaria regionale del

Piemonte n. 34/2/07, depositata il 17 dicembre 2007;

Udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

14 gennaio 2010 dal Relatore Cons. GRECO Antonio;

La Corte:

 

Fatto

RITENUTO IN FATTO

che, ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c., e’ stata depositata in cancelleria la seguente relazione:

“Ritenuto che le censure concernenti le asserite violazioni di legge si concludono senza il prescritto quesito che consenta l’individuazione di una regola iuris contrapposta a quella sottesa al provvedimento impugnato la cui applicazione porterebbe ad una decisione di segno diverso, per cui il ricorso appare manifestamente inammissibile in tutti i suoi motivi;

visto l’art. 375 c.p.c., comma 1.

Propone la decisione in Camera di consiglio con declaratoria di inammissibilita’ del ricorso”;

che la relazione e’ stata comunicata al pubblico ministero e alle parti costituite;

che non sono state depositate conclusioni scritte ne’ memorie.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che il Collegio, a seguito della discussione in Camera di consiglio, condivide i motivi in fatto e in diritto esposti nella relazione, osservando inoltre, in ordine al secondo motivo del ricorso, che “in tema di spese giudiziali, la parte e’ onerata di indicare in modo specifico ed autosufficiente quali siano le voci della tabella forense non applicate dal giudice del merito, elencando in dettaglio le prestazioni effettuate, per voci ed importi, cosi’ consentendo al giudice di legittimita’ il controllo di tale error in iudicando, pena l’inammissibilita’ del ricorso; con riguardo agli onorari, se sussiste puntuale specificazione dell’importo minimo maturato per ciascuna attivita’, e’ invece possibile il predetto controllo” (Cass. n. 17059 del 2007);

che pertanto, ribadito il principio di diritto sopra enunciato, il ricorso deve essere dichiarato inammissibile;

che le spese seguono la soccombenza e si liquidano come in dispositivo.

PQM

LA CORTE Dichiara il ricorso inammissibile e condanna il ricorrente al pagamento delle spese del giudizio, liquidate in complessivi Euro 1200,00, ivi compresi Euro 200,00 per spese vive.

Cosi’ deciso in Roma, il 14 gennaio 2010.

Depositato in Cancelleria il 30 aprile 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA