Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 10462 del 27/04/2017

Cassazione civile, sez. I, 27/04/2017, (ud. 16/02/2017, dep.27/04/2017),  n. 10462

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TIRELLI Francesco – Presidente –

Dott. CAMPANILE Pietro – Consigliere –

Dott. SAMBITO Maria Giovanna C. – rel. Consigliere –

Dott. VALITUTTI Antonio – Consigliere –

Dott. MARULLI Marco – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 28986/2012 proposto da:

Andreozzi S.r.l., (p.i. (OMISSIS)), in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in Roma, Via

Dardanelli n. 46, presso l’avvocato Callori Marco, che la

rappresenta e difende, giusta procura a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

Agenzia del demanio – Ramo Strade, e Anas S.p.a., in persona dei

rispettivi legali rappresentanti pro tempore, domiciliate in Roma,

Via dei Portoghesi n. 12, presso l’Avvocatura Generale dello Stato,

che le rappresenta e difende ope legis;

– controricorrenti –

contro

Val di Chienti S.c.p.a., in persona dei legali rappresentanti pro

tempore, elettivamente domiciliata in Roma, Via L. Rizzo n. 41,

presso l’avvocato Cimellaro Antonino, che la rappresenta e difende,

giusta procura in calce al controricorso;

– controricorrente –

contro

O.M., L.A., elettivamente domiciliati in Roma, Via

Cosseria n. 2, presso lo Studio Placidi, rappresentati e difesi

dall’avvocato Cerisano Gianni, giusta procura a margine del

controricorso;

– controricorrenti –

e contro

Quadrilatero Marche-Umbria S.p.a.;

– intimata –

avverso l’ordinanza della CORTE D’APPELLO di ANCONA, depositata il

20/10/2012;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

16/02/2017 dal cons. SAMBITO MARIA GIOVANNA C.;

udito, per la controricorrente V.d.C., l’Avvocato Cimellaro

che si riporta al controricorso;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale ZENO

Immacolata, che ha concluso per il rigetto del ricorso.

Fatto

FATTI DI CAUSA

La S.r.l. Andreozzi, locataria da potere di O.M. e L.A. di un immobile, in parte adibito ad uso commerciale ed in parte ad uso magazzino, espropriato per la realizzazione di un’opera stradale, convenne in giudizio innanzi alla Corte d’Appello di Ancona i predetti proprietari, l’Agenzia del Demanio, l’ANAS S.p.A., la Val di Chienti S.c.p.A nonchè la S.p.A. Quadrilatero Marche-Umbria, chiedendo una nuova determinazione dell’indennità, con l’indicazione di quella parte spettante ad essa ricorrente, a ristoro del pregiudizio subito a causa della cessazione e comunque del ridimensionamento dell’attività artigianale – commerciale svolta nel bene ablato.

Con ordinanza ex art. 702 bis c.p.c. in data 20.10.2012, la Corte adita, dopo aver premesso che la Società era legittimata a proporre l’opposizione, la rigettò, rilevando, per quanto interessa, che non era dovuta dall’espropriante la chiesta indennità.

La Andreozzi S.r.l. ha proposto ricorso per la cassazione di tale ordinanza, con due motivi, ai quali resistono O.M. e L.A., nonchè l’Agenzia del Demanio, l’ANAS S.p.A., la V.d.C. S.c.p.A. La S.p.A. Quadrilatero Marche-Umbria non ha svolto difese.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. Il Collegio ha autorizzato, come da decreto del Primo Presidente in data 14 settembre 2016, la redazione della motivazione in forma sintetica.

2. Col primo motivo, la Società Andreozzi, deducendo la violazione del D.P.R. 8 giugno 2001, n. 327, art. 54 e D.Lgs. 1 settembre 2011, n. 150, art. 29 nonchè l’omesso esame di fatti decisivi per il giudizio e la conseguente contraddittorietà dell’impugnata pronuncia, lamenta che la sua domanda non sia stata accolta perchè volta alla determinazione del bene costituito come azienda e non del solo avviamento, quando tale voce era compresa tra quelle che aveva chiesto di indennizzare.

3. Il motivo è, in parte, inammissibile, ed, in parte, infondato. E’ inammissibile, perchè la ricorrente non chiarisce affatto in che modo le disposizioni invocate (che individuano i soggetti legittimati a proporre opposizione alla stima, il giudice competente e disciplinano il relativo rito) siate state violate dalla Corte territoriale, non indica quali siano le norme sostanziali, in tesi, pretermesse, e deduce l’omesso esame di un fatto decisivo per il giudizio senza provvedere ad individuarlo (essendo la decisione fondata su questione di diritto), per di più lamentando la contraddittorietà della motivazione, che costituisce un vizio non più deducibile, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 5 nel testo applicabile ratione temporis.

4. La censura è anche infondata, laddove lamenta l’omessa determinazione dell’indennità, in quanto la proposta opposizione è dichiaratamente volta non già a quantificare il valore venale del capannone espropriato – che essa ricorrente era abilitata a far valere – ma l’ammontare spettantele in riferimento al valore all’azienda o del solo avviamento. I giudici a quo, pur, in effetti, distinguendo tra tali valori, hanno concluso in conformità del principio affermato da questa Corte con la sentenza 11/03/2006 n. 5381, secondo cui, al di fuori delle ipotesi previste dalla L. n. 865 del 1971, art. 17 il titolare di diritti personali di godimento sull’immobile espropriato “può pretendere dal proprietario già indennizzato la corresponsione della parte d’indennità a lui spettante (…) la cui entità è determinata esclusivamente in relazione al valore del terreno, quale si presenta per le sue caratteristiche naturali, economiche e giuridiche, senza che possa assumere rilevanza il pregiudizio del conduttore di non poter svolgere ulteriormente la precedente attività”; principio che è, poi, stato ribadito dalla giurisprudenza di questa Corte (cfr. da ultimo, Cass. 3/10/2016 n. 19689 e giurisprudenza ivi richiamata) ed al quale si intende dare continuità.

5. Il secondo motivo, con cui si lamenta la violazione dell’art. 91 c.p.c., è, in conseguenza, infondato.

6. Il ricorso va, in conclusione rigettato, restando assorbita ogni ulteriore questione, e le spese, da regolarsi in base al criterio legale della soccombenza, si liquidano come da dispositivo.

PQM

Rigetta il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle spese del presente giudizio di legittimità, che si liquidano in Euro 5.200,00, di cui Euro 200,00 per spese in favore Val di Chienti S.c.p.A, in Euro 3.700,00 in favore di O.M. e L.A., ed in Euro 3.500,00 oltre alle spese prenotate a debito in favore dell’Agenzia del Demanio e dell’ANAS S.p.A., oltre accessori.

Così deciso in Roma, il 16 febbraio 2017.

Depositato in Cancelleria il 27 febbraio 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA