Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 10444 del 27/04/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. I, 27/04/2017, (ud. 08/03/2017, dep.27/04/2017),  n. 10444

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DIDONE Antonio – Presidente –

Dott. NAPPI Aniello – Consigliere –

Dott. TERRUSI Francesco – Consigliere –

Dott. LAMORGESE Antonio Pietro – Consigliere –

Dott. FALABELLA Massimo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso proposto da:

Banca di Cividale spa, domiciliata in Roma, Via Tacito 50, presso

l’avv. Bruno Cossu, che la rappresenta e difende con l’avv. Amedeo

De Toma, come da mandato a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

Fallimento (OMISSIS) spa, domiciliato in Roma, Via Ceresio 85, presso

l’avv. Aurelio Richichi che lo rappresenta e difende unitamente

all’avv. Michele Malcangio, come da mandato a margine del

controricorso;

– controricorrente –

avverso il decreto n. 900-86/2011 del Tribunale di Treviso,

depositato il 15 dicembre 2011;

Sentita la relazione svolta dal Consigliere Dott. Aniello Nappi;

Lette le conclusioni del P.M. che ha chiesto rigettarsi il ricorso.

Fatto

FATTI DI CAUSA

La Banca di Cividale spa impugna per cassazione il decreto del Tribunale di Treviso che ne rigettato l’opposizione allo stato passivo del Fallimento (OMISSIS) spa dal quale era stato escluso un suo credito per circa settecentomila Euro.

Successivamente la Banca di Cividale spa ha depositato e notificato atto di rinuncia al ricorso, il fallimento ha depositato memoria.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

Ai sensi dell’art. 391 c.p.c., va dichiarata l’estinzione del giudizio.

Si giustifica la compensazione delle spese in ragione dell’incertezza giurisprudenziale sulla questione controversa (opponibilità al fallimento di decreto ingiuntivo definitivo ma non ancora dichiarato esecutivo).

PQM

Dichiara estinto il giudizio.

Compensa integralmente le spese processuali.

Così deciso in Roma, il 8 marzo 2017.

Depositato in Cancelleria il 27 aprile 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA