Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 10427 del 02/05/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. lav., 02/05/2018, (ud. 31/01/2018, dep.02/05/2018),  n. 10427

Fatto

FATTO E DIRITTO

RILEVATO:

1. che, con sentenza in data 28 giugno 2011, la Corte di Appello di Lecce ha riformato la sentenza di primo grado e, per l’effetto, ha annullato la cartella esattoriale opposta, per il pagamento della complessiva somma di Euro 4.308,82 a titolo di somme aggiuntive per ritardato pagamento di contributi, nella gestione lavoratori dipendenti, in riferimento a sedici lavoratori a al mese di luglio del 2001, e ha rideterminato le somme aggiuntive dovute, nella misura del 40 per cento dei contributi omessi, e comunque in misura non superiore ad Euro 2.076,40;

2. che, per la Corte di merito, il mancato tempestivo pagamento dei contributi era da attribuirsi a fatto del terzo (l’indebita appropriazione, da parte del consulente, della somma da versare a titolo di contributi) e tanto integrava una semplice omissione contributiva, peraltro poi regolarizzata;

3. che avverso tale sentenza l’INPS ha proposto ricorso, affidato ad un motivo, al quale l’intimata non ha opposto difese;

CONSIDERATO:

4. che, deducendo violazione della L. n. 388 del 2000, art. 116, comma 8, l’INPS si duole che la Corte di merito abbia ritenuto integrata, nella specie, un’ipotesi di omissione contributiva e non di evasione, con applicazione di un regime sanzionatorio meno gravoso;

5. che ritiene il Collegio si debba accogliere il ricorso;

6. che trova applicazione nella specie, ratione temporis, il disposto della L. 23 dicembre 2000, n. 388, art. 116, comma 8 e ss. che, modificando la precedente disciplina (L. 23 dicembre 1996, n. 662, art. 1, comma 217, lett. b)), ha diversamente configurato la fattispecie dell’evasione contributiva e le relative sanzioni civili;

7. che, alla stregua della consolidato giurisprudenza di legittimità, l’omessa o infedele denuncia mensile all’INPS (attraverso i modelli DM10) di rapporti di lavoro o di retribuzioni erogate, ancorchè, come nella specie, registrati nei libri di cui è obbligatoria la tenuta, concretizza l’evasione contributiva di cui all’art. 116, comma 8, lett. B) della richiamata L. n. 388 del 2000, e non la meno grave fattispecie dell’omissione contributiva, disciplinata dalla lett. A) della medesima norma, concernente le sole ipotesi in cui il datore di lavoro, pur avendo provveduto a tutte le denunce e registrazioni obbligatorie, ometta il pagamento dei contributi, dovendosi ritenere che l’omessa o infedele denuncia configuri un occultamento dei rapporti o delle retribuzioni o di entrambi e faccia presumere l’esistenza della volontà datoriale di occultamento allo specifico fine di non versare i contributi o i premi dovuti (v. precedenti richiamati nel paragrafo che segue);

8. che, conseguentemente, grava sul datore di lavoro inadempiente l’onere di provare la mancanza dell’intento fraudolento e, quindi, la sua buona fede, onere che non può, tuttavia, reputarsi assolto in ragione della avvenuta corretta annotazione dei dati, omessi o infedelmente riportati nelle denunce, sui libri di cui è obbligatoria la tenuta (cfr., da ultimo, Cass. 18 gennaio 2018, n. 1167 e la giurisprudenza ivi richiamata; Cass. 25 agosto 2015, n. 17119; Cass. 25 giugno 2012, n. 10509);

9. che proprio il rilievo da annettere all’elemento intenzionale consente, anche in ipotesi di denunce omesse o non veritiere, di escludere l’ipotesi dell’evasione, con onere probatorio a carico del datore di lavoro inadempiente, attraverso l’allegazione e prova di circostanze dimostrative dell’assenza del fine fraudolento (per inadempimenti derivati da mera negligenza o da altre circostanze contingenti) e il relativo accertamento, tipicamente di merito, resterà, secondo le regole generali, intangibile in sede di legittimità ove congruamente motivato;

10. che, nella specie, l’elemento intenzionale è risultato corroborato dalla condotta silente del datore di lavoro non tradottasi, a fronte di un preteso fatto doloso del terzo, in un comportamento positivo e tempestivo di denuncia, all’autorità giudiziaria penale, dell’asserita condotta, del consulente, di appropriazione indebita delle somme da versare all’INPS, come del resto dato atto dalla stessa Corte di merito che ha puntualizzato che non era risultato osservato il termine per la denuncia, all’autorità penale, del mancato/ritardato pagamento dei contributi per fatto doloso del terzo, alla stregua dell’art. 124 cod. pen., comma 1, dunque nel termine trimestrale per richiedere l’accertamento penale della condotta evocata a suffragio dell’assenza del fine fraudolento;

11. che la Corte distrettuale, ritenendo ricorrere, nella specie, una mera omissione contributiva, non si è uniformata ai principi esposti e la sentenza va, dunque, cassata; per non essere necessari ulteriori accertamenti, la causa va decisa nel merito, con il rigetto dell’opposizione;

12. che le spese del giudizio di merito, in considerazione dell’esito alterno, si compensano e le spese del giudizio di legittimità, liquidate come in dispositivo, seguono la soccombenza.

PQM

La Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e, decidendo nel merito, rigetta l’opposizione; compensa le spese del giudizio di merito; condanna la parte intimata al pagamento delle spese processuali liquidate in Euro 200,00 per esborsi, Euro 1.800,00 per compensi professionali, oltre quindici per cento spese generali e altri accessori di legge.

Così deciso in Roma, nella adunanza camerale, il 31 gennaio 2018.

Depositato in Cancelleria il 2 maggio 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA