Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 1041 del 17/01/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 17/01/2017, (ud. 14/10/2016, dep.17/01/2017),  n. 1041

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANNA Felice – rel. Presidente –

Dott. D’ASCOLA Pasquale – Consigliere –

Dott. ORILIA Lorenzo – Consigliere –

Dott. CORRENTI Vincenzo – Consigliere –

Dott. SCALISI Antonino – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 954-2015 proposto da:

Avv. S.A., elettivamente domiciliata in ROMA, PIAZZA

CAVOUR, presso la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentata e difesa da sè

medesima;

– ricorrente –

contro

RICORSO NON NOTIFICATO AD ALCUNO;

avverso l’ordinanza del TRIBUNALE di MESSINA, depositata il

08/11/2014;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

14/10/2016 dal Consigliere Relatore Dott. FELICE MANNA.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO e MOTIVI DELLA DECISIONE

1. – Il Consigliere relatore, designato ai sensi dell’art. 377 c.p.c., ha depositato in cancelleria la seguente relazione ex artt. 380-bis e 375 c.p.c.:

“1. – L’avv. S.A. propone ricorso per cassazione avverso l’ordinanza depositata l’8.11.2014 dal Tribunale di Messina, con la quale è stata respinta la sua opposizione ai sensi del D.P.R. n. 115, artt. 84 e 117 contro l’ordinanza che aveva respinto la sua richiesta di liquidazione del compenso, quale difensore d’ufficio di H.M., imputato in un procedimento penale.

2. – Il ricorso è inammissibile, per non essere stato notificato ad alcuna parte.

Ed invero, come chiarito dalle S. U. di questa Corte con sentenza n. 19161/09, i provvedimenti emessi nei procedimenti d’opposizione a domande di liquidazione di compensi per custodi, ausiliari e difensori nominati nell’ambito del patrocinio a spese dello Stato, involgono una controversia di natura civile indipendentemente dal fatto che il decreto di liquidazione (o di diniego di liquidazione) sia stato emesso in un giudizio penale. Ne consegue che il ricorso per cassazione contro tali provvedimenti, essendo di competenza delle sezioni civili di questa Corte, segue le relative forme previste dal codice di rito civile (cfr. anche Cass. n. 17684/12).

3. – Pertanto, si propone la decisione del ricorso con le forme camerali, nei sensi di cui sopra, in base all’art. 375 c.p.c., n. 1”.

2. – La Corte condivide la relazione rispetto alla quale non è stata presentata memoria.

3. – Pertanto, il ricorso va dichiarato inammissibile.

4. – Nulla, ovviamente, per le spese.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della sezione sesta civile – 2 della Corte Suprema di Cassazione, il 14 ottobre 2016.

Depositato in Cancelleria il 17 gennaio 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA