Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 10380 del 20/04/2021

Cassazione civile sez. lav., 20/04/2021, (ud. 22/10/2020, dep. 20/04/2021), n.10380

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BERRINO Umberto – Presidente –

Dott. NEGRI DELLA TORRE Paolo – rel. Consigliere –

Dott. BALESTRIERI Federico – Consigliere –

Dott. LEO Giuseppina – Consigliere –

Dott. DE MARINIS Nicola – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 17615/2017 proposto da:

C.D., elettivamente domiciliato in ROMA, VIALE DELLE

MILIZIE 1, presso lo studio dell’avvocato GIANLUIGI MALANDRINO, che

lo rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

GENERALI ITALIA S.P.A., in persona del legale rappresentante pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, PIAZZA CAVUOR 19, presso

lo studio dell’avvocato MICHELE ROMA, che la rappresenta e

difende unitamente all’avvocato GINO MARIA SCARPELLINI;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 453/2016 della CORTE D’APPELLO di GENOVA,

depositata il 09/01/2017 R.G.N. 244/2016;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

22/10/2020 dal Consigliere Dott. PAOLO NEGRI DELLA TORRE.

 

Fatto

PREMESSO

che con sent. n. 453/2016, depositata il 9 gennaio 2017, la Corte di appello di Genova, in parziale riforma della sentenza di primo grado, pronunciando sulle domande proposte da C.D. nei confronti di Generali Italia S.p.A. e dalla società nei confronti del proprio agente, ha dichiarato insussistente la giusta causa di recesso di quest’ultimo; ha respinto la domanda di risarcimento danni avanzata da Generali Italia S.p.A. e ogni altra domanda della stessa; ha riconosciuto crediti reciproci delle parti (rispettivamente per indennità e a titolo di rivalsa), determinando un saldo attivo a favore della Compagnia e condannando l’agente al pagamento della somma così risultante; ha compensato le spese di lite dei due gradi di giudizio;

– che avverso detta sentenza ha proposto ricorso per cassazione il C. con tre motivi, cui la società ha resistito con controricorso.

Diritto

RILEVATO

che nelle more del giudizio di cassazione il ricorrente ha depositato atto di rinuncia al ricorso e relazione di notifica dello stesso;

– che sussistono, pertanto, le condizioni perchè venga dichiarata l’estinzione del giudizio, ai sensi degli artt. 390 e 391 c.p.c.;

– che non vi è luogo a pronuncia sulle spese.

P.Q.M.

La Corte dichiara estinto il giudizio.

Così deciso in Roma, nell’adunanza camerale, il 22 ottobre 2020.

Depositato in Cancelleria il 20 aprile 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA