Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 10335 del 11/05/2011

Cassazione civile sez. III, 11/05/2011, (ud. 02/12/2010, dep. 11/05/2011), n.10335

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TRIFONE Francesco – Presidente –

Dott. URBAN Giancarlo – Consigliere –

Dott. SPIRITO Angelo – Consigliere –

Dott. TRAVAGLINO Giacomo – rel. Consigliere –

Dott. LEVI Giulio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 18115/2009 proposto da:

P.A. (OMISSIS), G.S.

(OMISSIS), elettivamente domiciliati in ROMA presso la

CANCELLERIA DELLA CORTE DI CASSAZIONE, rappresentati e difesi

dall’avvocato PALLARA Angelo con studio in 73100 LECCE, VIA NICCOLO’

FOSCARINI 7, giusta delega a margine del ricorso;

– ricorrenti –

contro

COLLEGIO NOTARILE DISTRETTO LECCE (OMISSIS) in persona del

Presidente pro tempore del Consiglio Dott. N.A.,

elettivamente domiciliato in ROMA, VIA L. MANTEGAZZA 24, presso lo

studio del Dott. MARCO GARDIN, rappresentato e difeso dall’avvocato

SFATA Mariagabriella giusta delega a margine del controricorso;

V.R. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in

ROMA, VIALE DELLE MILIZIE 114, presso lo studio dell’avvocato

VALLEBONA ANTONIO, rappresentato e difeso dall’avvocato VINCI

VITANTONIO giusta delega a margine del controricorso;

– controricorrenti –

avverso la sentenza n. 25/2009 della CORTE D’APPELLO di LECCE,

Sezione Prima Civile, emessa il 23/04/2009, depositata il 11/06/2009,

r.g.n. 187/2009;

udita la relazione della causa svolta nella Pubblica udienza del

02/12/2010 dal Consigliere Dott. GIACOMO TRAVAGLINO;

udito l’Avvocato ANGELO PALLARA;

udito l’Avvocato MARIAGABRIELLA SPATA per delega dell’Avvocato

VITANTONIO VINCI;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

FINOCCHI GHERSI Renato, che ha concluso per il rigetto.

Fatto

IN FATTO

I notai P.A. e G.S., nel convenire in giudizio dinanzi alla corte di appello di Lecce il locale Consiglio notarile, impugnarono la delibera dell’assemblea dei notai di quel distretto deducendo che, in occasione delle votazioni tenutesi nel febbraio del 2008 per il rinnovo della terza parte del consiglio notarile, era stato eletto, tra gli altri, il notaio Po., mentre il P. era risultato il primo dei non eletti: cessato dalle funzioni per raggiunti limiti di età, quest’ultimo era conseguentemente decaduto, ipso facto, dalla carica di consigliere, ma il consiglio notarile, anzichè far subentrare in surroga il P., aveva illegittimamente proceduto a nuova votazione, all’esito della quale era risultato eletto il notaio V.R..

Il consiglio notarile, nel costituirsi, osservò come, all’esito di un quesito formulato dal suo Presidente all’ufficio studi del consiglio nazionale del notariato, aveva opinato che la sostituzione del consigliere mancante non potesse avvenire attingendo ai risultati elettorali di coloro che, pur essendo risultati destinatari di alcune preferenza in quella tornata elettorale, non avessero peraltro ottenuto sufficienti voti per essere eletti per non aver raggiunto (come nel caso del P., che aveva ottenuto soltanto 9 voti) il quorum minimo previsto per l’elezione (nella specie, di 16 voti).

L’adita corte di appello ha rigettato il ricorso.

P.A. e G.S. impugnano la sentenza con ricorso per cassazione sorretto da un unico, complesso motivo di diritto, corredato ex lego da quesito di diritto.

Resistono con controricorso il notaio V.R. e il Collegio notarile del distretto di Lecce.

Diritto

IN DIRITTO

Il ricorso è infondato.

Con il primo ed unico motivo, si denuncia nullità della sentenza per violazione e falsa applicazione di norme di diritto ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3 e dell’art. 111 Cost., comma 7, in relazione alla L. n. 89 del 1913, art. 88.

Il motivo – al di là dei suoi non trascurabili profili di inammissibilità, essendo stata censurata la pronuncia del giudice territoriale ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 3, pur lamentandosi, nella stessa intestazione del motivo di ricorso, il diverso vizio di nullità della sentenza, afferente alla fattispecie disciplinata dal successivo n. 4, come di recente questa corte di legittimità ha avuto modo di rilevare – è, nel merito, privo di pregio giuridico.

Esso, nel lamentare, con dovizia di argomentazioni, la pretesa illegittimità dell’applicazione dell’istituto della surroga da parte del consiglio notarile, si infrange, difatti, sul corretto impianto motivazionale adottato dal giudice d’appello nella parte in cui ha ritenuto che il P., non avendo riportato, nella votazione in cui fu eletto il notaio Po., il prescritto quorum di voti (e cioè quello rappresentato dalla maggioranza assoluta dei votanti), non potesse vantare il diritto di subentrare per surroga al notaio uscente in qualità di primo dei non eletti, presupponendo la rappresentanza consiliare, ai sensi dell’art. 89 della legge notarile, un’investitura a maggioranza del ristretto corpo elettorale, onde, in mancanza di liste elettorali, unico elemento giuridicamente rilevante ai fini della votazione non poteva che ritenersi l’intuitus personae, profilo certamente essenziale ai fini dell’elezione, ma destinato ad essere del tutto pretermesso se l’istituto della surroga avesse potuto e dovuto operare (giusta l’interpretazione auspicata dai ricorrenti) in ogni caso in favore del primo dei non eletti, del tutto a prescindere dal raggiungimento del quorum (in ipotesi, quia absurdum, anche in favore di chi avesse riportato un sol voto di preferenza).

La motivazione, scevra da errori logico-giuridici e esaustivamente articolata, deve pertanto essere confermata, attesane la conformità con quanto, tra l’altro, ritenuto dallo stesso ufficio studi del consiglio nazionale del notariato.

Il ricorso è pertanto rigettato.

La disciplina delle spese segue come da dispositivo, giusta il principio della soccombenza.

P.Q.M.

La corte rigetta il ricorso e condanna i ricorrenti in solido al pagamento delle spese del giudizio di cassazione, che si liquidano in complessivi Euro 8.200,00 di cui Euro 200,00 per spese generali.

Così deciso in Roma, il 2 dicembre 2010.

Depositato in Cancelleria il 11 maggio 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA