Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 10333 del 26/04/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 26/04/2017, (ud. 18/01/2017, dep.26/04/2017),  n. 10333

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCHIRO’ Stefano – Presidente –

Dott. CIRILLO Ettore – Consigliere –

Dott. MANZON Enrico – Consigliere –

Dott. NAPOLITANO Lucio – Consigliere –

Dott. SOLAINI Luca – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 27387-2015 proposto da:

A.I., P.R., P.M., elettivamente

domiciliati in ROMA, VIA S.TOMMASO D’AQUINO 104, presso lo studio

dell’avvocato CRISTINA PASQUINI, rappresentati e difesi

dall’avvocato DOMENICO ROSANO giusta procura a margine del ricorso;

– ricorrenti –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e difende ope

legis;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 5242/39/2015 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE di ROMA SEZIONE DISTACCATA di LATINA del 17/06/2015,

depositata il 07/10/2015;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 18/01/2017 dal Consigliere Relatore Dott. LUCA

SOLAINI.

Fatto

FATTO E DIRITTO

i ricorrenti sono eredi di P.F.B., a cui l’Agenzia delle Entrate ha notificato un avviso di liquidazione di imposta, a seguito della revisione del prezzo di una compravendita, con la quale il P. aveva ceduto un immobile a tale C.O., per il prezzo dichiarato di 193.510,00 Euro. L’Agenzia ha invece stimato che il bene valesse 721.810,00 Euro, recuperando quindi l’imposta sul valore aggiunto su tale differenza.

L’avviso è stato impugnato, ma confermato dai giudici di merito.

Avverso la decisione di appello, i contribuenti hanno proposto istanza di revocazione, sostenendo che, dopo tale decisione, erano venuti a conoscenza dello sgravio del debito fatto dall’Agenzia a favore dell’acquirente C.O., e chiedevano dunque la riforma della sentenza in ragione di tale sopravvenuta circostanza.

La CTR ha rigettato l’istanza di revocazione, per due motivi: in primo luogo, in quanto i contribuenti non avevano dimostrato di non aver potuto allegare quello sgravio per cause a loro estranee, in secondo luogo perchè comunque quello sgravio era stato annullato, avendolo l’Agenzia effettuato per errore.

Ora i contribuenti propongono ricorso per cassazione, con un solo motivo, cui resiste l’Agenzia con controricorso.

Ritengono i ricorrenti che la CTR sia incorsa in violazione di legge per avere (art. 395 c.p.c. e D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 46) affermato, infondatamente, che essi ricorrenti non avevano dimostrato l’incolpevole ignoranza dello sgravio e che comunque tale sgravio era stato annullato.

Il ricorso è infondato.

Secondo questa Corte, “In tema di revocazione, l’ipotesi prevista dall’art. 395 c.p.c., comma 1, n. 3, laddove presuppone il ritrovamento, dopo la sentenza, di uno o più documenti decisivi non prodotti in giudizio per causa di forza maggiore, si riferisce ad un avvenimento straordinario, in nessun modo riconducibile ad un comportamento negligente della parte, sicchè non è configurabile nel caso di omessa produzione in giudizio del ricorso introduttivo personalmente sottoscritto dal contribuente, sul quale incombe l’onere di controllarne l’effettivo deposito” (Cass. nn. 12162/14, 22080/13, 15242/12, 1814/04).

Nella specie, i ricorrenti non hanno dimostrato di non aver potuto, per cause a loro estranee, allegare già in appello il provvedimento di sgravio, inoltre, il documento sopravvenuto di sgravio, non è decisivo in quanto frutto di errore dell’ufficio, poi corretto.

Le spese di lite seguono la soccombenza e sono liquidate come in dispositivo.

Va dato atto della sussistenza dei presupposti, per il versamento, da parte dei ricorrenti, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso.

PQM

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

Rigetta il ricorso.

Condanna le parti ricorrenti a pagare all’Agenzia delle Entrate, in persona del Direttore in carica, le spese di lite dei presente giudizio, che liquida in Euro 4.500,00, oltre spese prenotate a debito.

Ai sensi del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater, dà atto della, sussistenza dei presupposti per il versamento da parte dei ricorrenti, dell’ulteriore importo pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Motivazione semplificata.

Così deciso in Roma, il 18 gennaio 2017.

Depositato in Cancelleria il 26 aprile 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA