Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 1033 del 17/01/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 17/01/2017, (ud. 21/11/2016, dep.17/01/2017),  n. 1033

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DOGLIOTTI Massimo – Presidente –

Dott. RAGONESI Vittorio – Consigliere –

Dott. DI VIRGILIO Rosa Maria – rel. Consigliere –

Dott. GENOVESE Francesco Antonio – Consigliere –

Dott. DE CHIARA Carlo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 20566/2014 proposto da:

FALLIMENTO (OMISSIS) DI T.G., titolare dell’Impresa

individuale omonima, P.I. (OMISSIS), in perdona del Curatore

fallimentare, elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA VESCOVIO 21,

presso lo studio dell’avvocato TOMMASO MANFEROCE, che lo rappresenta

e difende unitamente all’avvocato ALESSANDRA GIOVETTI, giusta delega

a margine del ricorso e giusta autorizzazione del Giudice Delegato

prodotta in atti;

– ricorrente –

contro

T.G., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA AURELIANA, 2,

presso lo studio dell’avvocato ANTONIO UMBERTO PETRAGLIA, che lo

rappresenta e difende giusta procura speciale in calce al

controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1412/2014 della CORTE D’APPELLO di TORINO,

emessa il 03/07/2014 e depositata il 22/07/2014;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

21/11/2016 dal Consigliere Relatore Dott. ROSA MARIA DI VIRGILIO.

Fatto

FATTO E DIRITTO

La Corte, premesso:

che è stata depositata in Cancelleria e regolarmente comunicata la relazione, la cui conclusione era per la manifesta infondatezza del ricorso;

che il curatore del Fallimento, giusta autorizzazione del G.D., ha dichiarato di rinunciare al ricorso,e tale dichiarazione, sottoscritta anche dal difensore, stata notificata al controricorrente T., e da questi accettata;

visti gli artt. 390 e 391 c.p.c..

PQM

Dichiara estinto il giudizio, a spese compensate.

Così deciso in Roma, il 21 novembre 2016.

Depositato in Cancelleria il 17 gennaio 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA