Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 10312 del 20/04/2021

Cassazione civile sez. trib., 20/04/2021, (ud. 12/01/2021, dep. 20/04/2021), n.10312

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SORRENTINO Federico – Presidente –

Dott. GUIDA Riccardo – Consigliere –

Dott. D’ORAZIO Luigi – Consigliere –

Dott. FRACANZANI Marcello M. – rel. Consigliere –

Dott. VENEGONI Andrea – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 8240/2015 R.G. proposto da:

P.B., con l’avv. Carlo Beltrani nel domicilio eletto presso

lo studio dell’avv. Sergio Beltrani, in Roma al viale Cesare Pavese,

n. 101;

– ricorrente –

contro

Agenzia delle Entrate, in persona del legale rappresentante p.t.,

rappresentata e difesa dall’Avvocatura Generale dello Stato, con

domicilio ex lege in Roma, alla via dei Portoghesi, n. 12;

– controricorrente –

avverso la sentenza della Commissione Tributaria Regionale per il

Lazio n. 5039/06/2014, depositata il 31 luglio 2014, non notificata;

Udita la relazione svolta nella camera di consiglio del 12 gennaio

2021 dal Cons. Marcello M. Fracanzani.

 

Fatto

RILEVATO

Che:

Il contribuente conduce attività di bar rosticceria ed era attinto da accertamento per l’anno di imposta 2005 fondato sullo scostamento dagli studi di settore, consolidato dalla mancanza di chiarimenti quando evocato al contraddittorio endoprocedimentale.

Le ragioni del contribuente non erano apprezzate dal giudice di prossimità che riteneva irrilevante la mancata redazione dell’inventario delle rimanenze di magazzino in occasione dell’accesso del 2007, vertendosi dell’anno di imposta 2005. La sentenza di primo grado era confermata in appello, avverso cui spiega ricorso la parte contribuente, cui replica con tempestivo controricorso il patrono erariale.

Diritto

CONSIDERATO

Che:

Il ricorso si riduce in una complessiva censura della gravata sentenza e delle attività accertative dell’Ufficio, lamentando non essersi tenuto conto degli elementi passivi del reddito induttivamente calcolato per lo scostamento dagli studi di settore, nè del fisiologico sfrido che subiscono le materie nel corso della lavorazione che caratterizza un esercizio che somministra alimenti, rispetto uno che rivende prodotti confezionati all’origine. In questo, gli accertatori avrebbero solo ammesso una riduzione del 1% del caffè.

Così come proposto, il ricorso per cassazione non presenta articolazione nei motivi prescritti dall’art. 360 c.p.c., limitandosi ad una richiesta generica e generale di rivalutazione del merito che resta inibita a questa Corte di legittimità.

Il ricorso è quindi inammissibile e tale va dichiarato.

PQM

La Corte dichiara il ricorso inammissibile e condanna la parte ricorrente al pagamento delle spese del presente giudizio in favore dell’Agenzia delle Entrate, che liquida in Euro seimilacinquecento/00, oltre a spese prenotate a debito.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1-quater, la Corte dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento da parte del ricorrente principale dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per il ricorso principale a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis, se dovuto.

Così deciso in Roma, il 12 gennaio 2021.

Depositato in Cancelleria il 20 aprile 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA