Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 10271 del 19/04/2021

Cassazione civile sez. lav., 19/04/2021, (ud. 26/01/2021, dep. 19/04/2021), n.10271

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANNA Antonio – Presidente –

Dott. D’ANTONIO Enrica – Consigliere –

Dott. CALAFIORE Daniela – rel. Consigliere –

Dott. CAVALLARO Luigi – Consigliere –

Dott. BUFFA Francesco – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 13728-2017 preposto da:

C.F., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA COLA DI RIENZO

n. 122, presso lo studio dell’avvocato FRANCESCO BRASCA,

rappresentato e difeso dall’avvocato BENEDETTO DE SETA;

– ricorrente –

contro

EQUITALIA CENTRO S.P.A., ora EQUITALIA SERVIZI DI RISCOSSIONE S.P.A.,

Gruppo Equitalia S.p.a, in persona del legale rappresentante pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA FLAMINIA n. 135,

presso lo studio dell’avvocato PIERLUIGI GIAMMARIA, rappresentata e

difesa dagli avvocati GIUSEPPE PARENTE, MAURIZIO CIMETTI;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 235/2016 del TRIBUNALE di REGGIO EMILIA,

depositata il 22/11/2016 R.G.N. 950/2015;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

26/01/2021 dal Consigliere Dott. DANIELA CALAFIORE;

il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Dott. GIACALONE

GIOVANNI, visto il D.L. 28 ottobre 2020, n. 137, art. 23, comma 8

bis convertito con modificazioni nella L. 18 dicembre 2020, n. 176,

ha depositato conclusioni scritte.

 

Fatto

FATTI DI CAUSA

Con sentenza n. 253 del 2016, il Tribunale di Reggio Emilia ha dichiarato inammissibile l’opposizione alla comunicazione di iscrizione ipotecaria avvenuta l’8 luglio 2015 (relativa alla quota di 1/2 della proprietà dell’immobile sito in (OMISSIS), comunicata a mezzo posta il 28 luglio 2015) proposta da C.F., originariamente anche nei confronti di INPS ed Inail, e proseguita, dopo la rinunzia nei loro confronti, solo nei riguardi di Equitalia centro s.p.a.

Il Tribunale, precisato che l’iscrizione ipotecaria scaturiva dal mancato pagamento di un rilevante numero di cartelle esattoriali, avvisi di addebito ed avvisi di accertamento immediatamente esecutivi e che l’opposizione si fondava sia sull’affermata mancata notifica degli atti prodromici all’iscrizione, che sulla prescrizione o decadenza dei crediti pretesi, oltre che sulla inammissibilità dell’iscrizione sui bene conferito in fondo patrimoniale comunque destinato a residenza principale e sull’erroneità del calcolo degli interessi, ha accertato che la notifica della comunicazione preventiva di ipoteca, riferita alla pluralità di crediti contributivi di cui sopra, era avvenuta in data 3 novembre 2014 e conteneva l’indicazione delle medesime cartelle esattoriali non opposte.

Ciò premesso, ha richiamato la sentenza delle Sezioni Unite di questa Corte di legittimità n. 20931 del 2011 traendo la conclusione che alla controversia in esame dovesse attribuirsi natura di opposizione agli atti esecutivi soggetta, ai sensi dell’art. 617 c.p.c., al termine di proposizione di venti giorni decorrenti dalla data di notifica della comunicazione preventiva di ipoteca (3 novembre 2014); quanto alle questioni relative alla formazione del ruolo, alla notifica del medesimo o ad altre questioni di merito, accertava che non era comunque stata proposta tempestiva opposizione avendo riguardo sempre alla data di notifica della comunicazione preventiva di ipoteca del 3 novembre 2014, con la conseguenza che non era ammissibile neanche l’azione volta a recuperare quella ormai spirata per decorso del termine per opporsi ai sensi del D.Lgs. n. 46 del 1999, art. 24. Il Tribunale ha comunque accertato la rituale notificazione degli atti prodromici all’iscrizione ipotecaria in oggetto.

Avverso tale sentenza, propone ricorso per cassazione C.F. sulla base di un unico motivo successivamente illustrato da memoria.

Resiste con controricorso Equitalia Servizi di Riscossione s.p.a.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

Con l’unico motivo di ricorso, si denuncia la violazione e falsa applicazione dell’art. 617 c.p.c., in relazione all’orientamento di questa Corte di cassazione a sezioni unite, espresso in particolare da Cass. SS.UU. n. 19667 del 2014 e n. 15354 del 2015, secondo il quale l’iscrizione di ipoteca esattoriale è atto alternativo rispetto agli atti di esecuzione forzata e che la relativa impugnazione è svincolata dallo schema delle opposizioni di cui agli artt. 615 e 617 c.p.c., con la conseguenza che l’azione intrapresa per opporsi assume la natura di accertamento negativo del diritto dell’esattore all’iscrizione, a prescindere dal tipo di contestazione (formale o di merito) fatta valere.

Il motivo è fondato in relazione al profilo relativo all’inapplicabilità alla fattispecie del termine di decadenza di cui all’art. 617 c.p.c., profilo che assorbe ogni altra questione.

Il tribunale ha erroneamente qualificato l’azione proposta dal ricorrente come opposizione agli atti esecutivi ai sensi dell’art. 617 c.p.c., e di conseguenza l’ha erroneamente dichiarata inammissibile, in quanto tardiva, sulla base del solo rilievo che il ricorso introduttivo non era stato depositato nel termine perentorio di venti giorni previsto dal richiamato art. 617 c.p.c..

In tema di atti della procedura di riscossione anteriori al pignoramento, le Sezioni Unite di questa Corte hanno chiarito che il fermo amministrativo di beni mobili registrati ha natura non già di atto di espropriazione forzata, ma di procedura a questa alternativa, trattandosi di misura puramente afflittiva volta ad indurre i debitore all’adempimento, sicchè la sua impugnativa, sostanziandosi in un’azione di accertamento negativo della pretesa creditoria, segue le regole generali del rito ordinario di cognizione in tema di riparto della competenza per materia e per valore (Cass., Sez. U, Ordinanza n. 15354 del 22/07/2015, decisione relativa al fermo amministrativo di beni mobili registrati, ma che si pone in linea di continuità con Cass., Sez. U, Sentenza n. 19667 del 18/09/2014, la quale aveva in precedenza espressamente affermato che l’iscrizione ipotecaria prevista dal D.P.R. 29 settembre 1973, n. 602, art. 77 non costituisce atto dell’espropriazione forzata, ma va riferita ad una procedura alternativa all’esecuzione forzata vera e propria).

Il principio di diritto sopra enunciato è dunque certamente applicabile, oltre che al fermo amministrativo di beni mobili registrati, anche all’ipoteca esattoriale di cui al D.P.R. 29 settembre 1973, n. 602, art. 77: esso comporta necessariamente che tutte le azioni volte ad ottenere la dichiarazione di nullità dell’iscrizione ipotecaria (e/o dell’iscrizione del fermo), che si assume operata dall’agente della riscossione in mancanza dei relativi presupposti, non possono essere qualificate come opposizioni agli atti esecutivi ai sensi dell’art. 617 c.p.c., e, costituendo ordinarie azioni di accertamento negativo, non possono ritenersi assoggettate a termini perentori di decadenza per la loro proposizione.

La domanda avanzata dall’odierno ricorrente non avrebbe potuto essere dichiarata inammissibile solo perchè proposta oltre il termine di cui all’art. 617 c.p.c., come denuncia lo stesso ricorrente nel ricorso.

La sentenza impugnata va pertanto cassata affinchè in sede di rinvio si proceda ad un nuovo esame della fattispecie, alla luce del principio di diritto sopra esposto.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia al Tribunale di Reggio Emilia in persona di diverso magistrato anche per le spese del giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 26 gennaio 2021.

Depositato in Cancelleria il 19 aprile 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA