Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 1026 del 17/01/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 17/01/2017, (ud. 14/10/2016, dep.17/01/2017),  n. 1026

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANNA Felice – Presidente –

Dott. D’ASCOLA Pasquale – Consigliere –

Dott. ORILIA Lorenzo – Consigliere –

Dott. CORRENTI Vincenzo – rel. Consigliere –

Dott. SCALISI Antonino – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 2119-2015 proposto da:

C.S., elettivamente domiciliata in ROMA, PIAZZA CAVOUR,

presso la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentata e difesa dagli avvocati

MICHELETTA TITA’ e RODOLFO UMMARINO giusta procura in calce al

ricorso;

– ricorrente –

contro

COMUNE TORINO, CF. (OMISSIS), in persona del Sindaco pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA, VIALE BRUNO BUOZZI, 87, presso lo

studio dell’avvocato MASSIMO COLARIZI, che lo rappresenta e difende

unitamente e disgiuntamente all’avvocato ANTONIETTA MELIDORO, giusta

procura speciale redata su foglio separato, prodotta in atti;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 8017/2014 del TRIBUNALE di TORINO, depositata

il 26/11/2014;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

14/10/2016 dal Consigliere Relatore Dott. VINCENZO CORRENTI;

udito l’Avvocato Colarizi Massimo, per il controricorrente, che si

rimette alla decisione della Corte e si riporta agli scritti.

Fatto

FATTO E DIRITTO

C.S. propone ricorso per cassazione illustrato da memoria contro il Comune di Torino, che resiste con controricorso eccependo l’inammissibilità del ricorso per genericità dei motivi, avverso la sentenza del tribunale di Torino del 26.11.2014 che ha rigettato il suo appello a sentenza del GP dichiarando inammissibile la domanda subordinata proposta in secondo grado.

Il GP aveva respinto l’opposizione a verbale di accertamento per circolazione con veicolo sottoposto a fermo amministrativo ritenendolo non autonomamente impugnabile in attesa del provvedimento prefettizio escludendo che l’impugnazione fosse rivolta al provvedimento di sequestro ed il tribunale, pur ammettendo in astratto la possibilità di impugnare provvedimenti immediatamente lesivi di posizioni giuridiche soggettive, ha escluso in concreto che l’accertamento fosse lesivo, del pari escludendo fosse stato impugnato il provvedimento di sequestro. Parte ricorrente denunzia: 1) violazione dell’art. 231 C.d.S., comma 3, art. 204 bis C.d.S., art. 100 c.p.c.; 2) violazione della L. n. 689 del 1981, art. 3, comma 2; reiterando i motivi del ricorso introduttivo relativo alla circolazione con veicolo sottoposto a fermo amministrativo e ribadendo che non era al corrente.

Va preliminarmente disattesa l’eccezione di inammissibilità del ricorso.

La prima censura merita accoglimento in ordine all’interesse alle doglianze rispetto ad un accertamento in ogni caso lesivo della posizione soggettiva della ricorrente a prescindere da sanzioni nei confronti dell’interessata.

Donde la cassazione con rinvio con assorbimento del secondo motivo.

PQM

La Corte accoglie il primo motivo, dichiara assorbito il secondo, cassa la sentenza e rinvia al tribunale di Torino anche per spese.

Così deciso in Roma, il 14 ottobre 2016.

Depositato in Cancelleria il 17 gennaio 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA