Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 10245 del 26/04/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. trib., 26/04/2017, (ud. 13/12/2016, dep.26/04/2017),  n. 10245

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CAPPABIANCA Aurelio – Presidente –

Dott. VIRGILIO Biagio – Consigliere –

Dott. GRECO Antonio – Consigliere –

Dott. ESPOSITO Antonio Francesco – rel. Consigliere –

Dott. IANNELLO Emilio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 20131/2011 proposto da:

O.G., C.G., elettivamente domiciliati in

ROMA PIAZZA S. PIETRO IN VINCOLI 40, presso lo studio dell’avvocato

GIULIANA BRAMONTI MACRO, rappresentati e difesi dagli avvocati UGO

DI PIRRO, FRANCESCO DRAGONE giusta delega in calce;

– ricorrenti –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende;

– resistente con atto di costituzione –

avverso la sentenza n. 10/2011 della COMM. TRIB. REG. della PUGLIA

DIST. di LECCE, depositata il 14/01/2011;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

13/12/2016 dal Consigliere Dott. ANTONIO FRANCESCO ESPOSITO;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

ZENO Immacolata, che ha concluso per il rinvio a nuovo ruolo, in

subordine rigetto dei motivi 2^ e 3^ del ricorso.

Fatto

RITENUTO IN FATTO

Con sentenza del 26 gennaio 2010 la C.T.P. di Lecce dichiarò inammissibile il ricorso proposto da C.G. e dalla di lui madre O.G. avverso le cartelle di pagamento per IRPEF relative all’anno d’imposta 2003, emesse a seguito degli avvisi di accertamento concernenti il reddito di partecipazione della Linea Ufficio s.a.s., di cui i ricorrenti erano soci. La commissione tributaria ritenne rituale la notifica dei prodromici avvisi di accertamento, rilevando, in particolare, che l’avviso di accertamento indirizzato a C.G. era stato consegnato a C.R., qualificatasi figlia del destinatario.

Proposto appello dai contribuenti, la C.T.R. della Puglia, sezione distaccata di Lecce, con sentenza del 14 gennaio 2011, ha confermato la sentenza impugnata.

Il giudice di appello reputava irrilevante la circostanza che dallo stato di famiglia prodotto in atti risultasse che C.R. non facesse parte della famiglia di C.G., “per la ragione che avverso il tenore letterale degli avvisi di ricevimento, nei quali l’agente postale – pubblico ufficiale – abbia attestato, una volta recatosi presso l’indirizzo del destinatario, l’identità del ricevente e la ricevuta dichiarazione di essere figlia convivente del destinatario, non è consentita – per la natura pubblica degli atti in parola (art. 2699 c.c.) e per l’efficacia privilegiata da essi posseduta – che la proposizione di querela di falso (art. 2700 c.c.)”.

Avverso la suddetta decisione C.G. e O.G. hanno proposto ricorso per cassazione, sulla base di un unico motivo. L’Agenzia delle Entrate ha depositato mero atto di costituzione.

La causa è stata rimessa alla pubblica udienza dalla sesta sezione, non sussistendo i presupposti per la trattazione in camera di consiglio.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

1. Con l’unico motivo di ricorso C.G. e O.G. denunciano “violazione e falsa applicazione del D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 2, comma 3, degli artt. 115 e 116 c.p.c., circa fatti controversi e decisivi per il giudizio. Omessa, insufficiente e contraddittoria motivazione circa un punto decisivo della controversia”. Censurano la sentenza impugnata per avere la C.T.R. violato le disposizioni sopra richiamate trascurando la portata delle certificazioni anagrafiche prodotte in sede di merito e ritenendo necessaria la proposizione di querela di falso per contestare che la persona che aveva ritirato gli avvisi di accertamento fosse figlia di C.G..

2. Il ricorso è infondato.

Correttamente il ricorrente sostiene che, contrariamente all’assunto della C.T.R., non fosse, nella specie, necessaria la proposizione di querela di falso per contestare l’identità del soggetto ( C.R., qualificatasi come figlia di C.G.) che aveva ricevuto gli avvisi di accertamento, posto che l’attestazione del pubblico ufficiale è assistita da fede privilegiata limitatamente alla provenienza dell’atto da colui che lo ha formato, alle dichiarazioni rese al medesimo, agli atti da questi compiuti, nonchè riguardo ai fatti che egli attesti essere avvenuti in sua presenza. Pertanto, la querela di falso era necessaria per contestare che la persona che aveva ricevuto l’atto avesse dichiarato di essere figlia di C.G., ma non per contestare che tale persona fosse effettivamente figlia del predetto.

Tuttavia, il dispositivo della decisione impugnata è comunque conforme a diritto, sicchè la sentenza deve essere confermata, pur con diversa motivazione, ai sensi dell’art. 384 c.p.c., u.c..

Questa Corte ha affermato che “in tema di notificazioni a mezzo posta, la disciplina relativa alla raccomandata con avviso di ricevimento, mediante la quale può essere notificato, ai sensi della L. n. 890 del 1982, art. 14, l’avviso di accertamento o liquidazione senza intermediazione dell’ufficiale giudiziario, è quella dettata dalle disposizioni concernenti il servizio postale ordinario per la consegna dei plichi raccomandati, in quanto le disposizioni di cui alla legge citata attengono esclusivamente alla notifica eseguita dall’ufficiale giudiziario ex art. 140 c.p.c.. Ne consegue che, difettando apposite previsioni della disciplina postale, non deve essere redatta alcuna relata di notifica o annotazione specifica sull’avviso di ricevimento in ordine alla persona cui è stato consegnato il plico, e l’atto pervenuto all’indirizzo del destinatario deve ritenersi ritualmente consegnato a quest’ultimo, stante la presunzione di conoscenza di cui all’art. 1335 c.c., superabile solo se il medesimo dia prova di essersi trovato nella impossibilità senza sua colpa di prenderne cognizione” (da ultimo, Cass. n. 14501 del 2016).

Nella specie, non è in contestazione che il prodromico avviso di accertamento sia stato consegnato all’indirizzo di C.G. e che la persona che ha ricevuto l’atto sia stata reperita presso l’indirizzo di spedizione, di modo che l’atto si presume consegnato al destinatario, indipendentemente dalla effettiva identità della ricevente e dalle dichiarazioni dalla stessa rese all’agente postale.

3. In conclusione, il ricorso deve essere rigettato.

Stante l’assenza di attività difensiva dell’intimata, non vi è luogo a provvedere sulle spese del giudizio di legittimità.

PQM

La Corte rigetta il ricorso.

Così deciso in Roma, il 13 dicembre 2016.

Depositato in Cancelleria il 26 aprile 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA