Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 10200 del 24/04/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. lav., 24/04/2017, (ud. 16/02/2017, dep.24/04/2017),  n. 10200

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. NOBILE Vittorio – Presidente –

Dott. NEGRI DELLE TORRE Paolo – Consigliere –

Dott. PATTI Adriano Piergiovanni – Consigliere –

Dott. LORITO Matilde – Consigliere –

Dott. GARRI Fabrizia – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 17560-2011 proposto da:

POSTE ITALIANE S.P.A. C.F. (OMISSIS), in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA VIALE

MAZZINI 134, presso lo studio dell’avvocato LUIGI FIORILLO, che la

rappresenta e difende, giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

M.G. C.F. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in ROMA,

VIA RENO 21, presso lo studio dell’avvocato ROBERTO RIZZO, che lo

rappresenta e difende, giusta delega in atti;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1824/2010 della CORTE D’APPELLO di ROMA,

depositata il 24/06/2010 R.G.N. 10698/2005.

Fatto

RILEVATO IN FATTO

che con sentenza in data 24 giugno 2010 la Corte di Appello di Roma, rigettando sia l’appello principale che quello incidentale, ha confermato la sentenza del Tribunale di Roma che aveva dichiarato l’illegittimità del termine apposto al contratto intercorso tra M.G. e Poste Italiane s.p.a. nel periodo 2.7.2002 – 30.9.2002 condannando la società al risarcimento del danno commisurato alle retribuzioni maturate dalla domanda giudiziaria al ripristino del rapporto con gli accessori dovuti per legge.

che avverso tale sentenza Poste Italiane s,p.a. ha proposto ricorso affidato a sei motivi, chiedendo, in subordine, l’applicazione dello jus superveniens; ha opposto difese M.G. con controricorso. che il P.G. in data non ha formulato richieste.

che sono state depositate memorie da M.G..

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

Che con il ricorso è denunciata:

1. la violazione e falsa applicazione del D.Lgs. n. 368 del 2001, art. 1 comma 1 e 2, dell’art. 12 delle preleggi, degli artt. 1362 e ss. c.c. e artt. 1325 e ss. c.c., in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, per avere ritenuto generica la causale giustificativa dell’apposizione del termine al contratto senza considerare il riferimento in essa contenuto agli accordi sindacali sulla mobilità dai quali era evincibile, per relationem, la ragione della delimitazione temporale del rapporto;

2. l’omessa e insufficiente motivazione su un fatto controverso e decisivo per il giudizio, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5, consistito nella legittima compresenza nella causale di più ragioni giustificatrici dell’apposizione del termine. Inoltre la sentenza non spiegherebbe perchè il riferimento agli accordi in seno al contratto non costituirebbe una idonea specificazione delle esigenze sottese all’assunzione;

3. la violazione e falsa applicazione del D.Lgs. n. 368 del 2001, art. 4, comma 2, dell’art. 2697 c.c., degli artt. 115, 116, 244 e 253 c.p.c., e art. 421 c.p.c., comma 2, per avere posto a carico del datore di lavoro l’onere di provare le ragioni che indussero le parti a stipulare un contratto a termine laddove invece la legittimità del contratto, ove rispettato il disposto dell’art. 1 del citato decreto legislativo, era presunta ed era onere del lavoratore dimostrarne la pretestuosità. Inoltre non era stato dato ingresso alla prova comunque chiesta ammissibile rilevante e decisiva.

4. l’omessa e insufficiente motivazione su un fatto controverso e decisivo per il giudizio, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5, la Corte avrebbe omesso di valutare e di motivare sull’ammissibilità e rilevanza della prova chiesta per dimostrare i processi di riorganizzazione che avevano investito la società facendo nascere l’esigenza di assunzioni temporanee senza neppure chiarire perchè non erano stati esercitati i poteri d’ufficio;

5. ancora la violazione e falsa applicazione dell’art. 1, comma 1 e art. 2 e del D.Lgs. n. 368 del 2001, art. 4, comma 2, degli artt. 1362 e ss. c.c. e art. 1325 e ss. c.c., in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, per avere ritenuto non sufficientemente specificata nel contratto la ragione sostitutiva posta a fondamento dell’apposizione del termine laddove invece il lavoratore era stato assunto per far fronte ai processi di riorganizzazione oltre che per esigenze di servizio scaturenti dall’assenza per ferie di lavoratori con pari inquadramento.

6. la violazione ed erronea applicazione degli artt. 1206, 1207, 1217, 1218, 1219, 1223, 2094, 2099 e 2697 c.c., in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3. Sostiene la ricorrente che le retribuzioni non potevano che decorrere dal momento in cui era stata offerta la prestazione, circostanza nella specie non verificatasi tale non essendo la domanda giudiziaria. Quanto all’aliunde perceptum sostiene la ricorrente che era onere di controparte provare di non aver intrattenuto altri e successivi rapporti di lavoro e di non aver percepito somme a titolo retributivo.

7. in subordine chiede l’applicazione della L. 4 novembre 2010, n. 183, art. 32, comma 5 e 6, e che in applicazione dello jus superveniens il risarcimento del danno sia contenuto nei limiti previsti dalla citata norma.

che ritiene il Collegio si debbano accogliere il primo, il secondo ed il quinto motivo di ricorso restando così assorbito l’esame degli altri;

che, infatti, l’apposizione di un termine ai contratti di lavoro, consentita dal D.Lgs. 6 settembre 2001, n. 368, art. 1, a fronte di ragioni di carattere tecnico, produttivo, organizzativo o sostitutivo, che devono risultare specificate, a pena di inefficacia, in apposito atto scritto, e che ben possono risultare anche per relationem, impone al datore di lavoro l’onere di indicare in modo circostanziato e puntuale, al fine di assicurare la trasparenza e la veridicità di tali ragioni, nonchè l’immodificabilità delle stesse nel corso del rapporto, le circostanze che contraddistinguono una particolare attività e che rendono conforme alle esigenze del datore di lavoro, nell’ambito di un determinato contesto aziendale, la prestazione a tempo determinato, sì da rendere evidente la specifica connessione tra la durata solo temporanea della prestazione e le esigenze produttive ed organizzative che la stessa sia chiamata a realizzare e la utilizzazione del lavoratore assunto esclusivamente nell’ambito della specifica ragione indicata ed in stretto collegamento con la stessa.

Spetta al giudice di merito accertare – con valutazione che, se correttamente motivata ed esente da vizi giuridici, resta esente dal sindacato di legittimità – la sussistenza di tali presupposti, valutando ogni elemento, ritualmente acquisito al processo, idoneo a dar riscontro alle ragioni specificamente indicate con atto scritto ai fini dell’assunzione a termine, ivi compresi gli accordi collettivi intervenuti fra le parti sociali e richiamati nel contratto costitutivo del rapporto. Che la Corte di merito, pur richiamando principi condivisibili, non si è affatto confrontata con le motivazioni poste dalla società a giustificazione dell’apposizione del termine al contratto.

Che gli accordi sindacali richiamati non sono stati esaminati di tal che in maniera del tutto assertiva e senza alcuna verifica in concreto se ne è affermata l’inidoneità a giustificare la specificazione dei motivi posti a base del contratto.

che pertanto in accoglimento delle censure formulate nei motivi primo secondo e quinto la sentenza deve essere cassata e rinviata alla Corte di appello di Roma, in diversa composizione, che provvederà a verificare la specificità della causale procedendo all’esame degli accordi in essa richiamati.

Che la Corte in sede di rinvio provvederà a regolare le spese del presente giudizio di legittimità.

PQM

La Corte, accoglie il primo, secondo e quinto motivo di ricorso, assorbiti gli altri. Cassa la sentenza in relazione ai motivi accolti e rinvia alla Corte di appello di Roma in diversa composizione che provvederà anche sulle spese del giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, nella Adunanza Camerale, il 16 febbraio 2017.

Depositato in Cancelleria il

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA